Ponti e non-ponti

ponte

Si dice “gettare un ponte”, ma si dice anche “bruciare i ponti”. E le parole sanno essere ponte ma anche fuoco. Chissà in quanti, nel tempo, fermi su rive opposte a pesare manciate di parole.
Del resto spesso è difficile costruire un ponte anche verso noi stessi, passiamo una vita senza mai incontrarci, noi e il nostro vero io, figuriamoci con gli altri!
Ma la seconda poesia (Lieve offerta) ha in sé una speranza così dolce che da sola basta come augurio per tutti.

Il ponte

Tu in un senso
Io nell’altro.
Su opposti marciapiedi
Attraversiamo il ponte.

Scuola, dici.
Faccio spallucce.
Fai spallucce.

Pochi metri di pietra ci separano.
Muro, non ponte.
Tu non li varchi.
Io non traghetto.

Tra noi
Sul ponte
Nessuno getta il ponte.

Renato Oliva, da Quaderni di poesia, in Il Malamore, 2015, Moretti e Vitali Edizioni.

 

Lieve offerta

Vorrei che la mia anima ti fosse
leggera
come le estreme foglie
dei pioppi, che s’accendono di sole
in cima ai tronchi fasciati
di nebbia –

Vorrei condurti con le mie parole
per un deserto viale, segnato
d’esili ombre –
fino a una valle d’erboso silenzio,
al lago –
ove tinnisce per un fiato d’aria
il canneto
e le libellule si trastullano
con l’acqua non profonda –

Vorrei che la mia anima ti fosse
leggera,
che la mia poesia ti fosse un ponte,
sottile e saldo,
bianco –
sulle oscure voragini
della terra.

5 dicembre 1934

Antonia Pozzi, da Lieve offerta – Poesie e prose, a cura di Alessandra Cenni e Silvio Raffo, Bietti Edizioni.

* da ascoltare per “ponte”: Bridge Over Troubled Water – Simon & Garfunkel, e per “non ponte”: Burning Bridges – Bon Jovi.

Ponti e non-pontiultima modifica: 2016-08-20T15:04:01+00:00da irenesettanta
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento