Se ancora piangi

Un murales a Padova (autore KennyRandom)

Un murales a Padova (autore: Kenny Random)

rainbow1

«Alza gli occhi al cielo
non troverai mai arcobaleni
se guardi in basso».
Charlie Chaplin da The Circus – Swing Little Girl

https://www.youtube.com/watch?v=sU0J–hFOvk  

 

Se ancora piangi

Che importa se mi vesto di nero?
Ho comunque nel respiro ogni colore:
le nuvole rosse
                          – ogni sera –
sul volto di mia figlia
le fiamme arancioni di una rosa
                         – mai dimenticata –
il verde nuovo della betulla che rinasce
                          il blu di lavanda profumato
                                     l’indaco sincero di un sorriso.
Perciò che importa – anche tu –
che importa se ti vesti di nero? Se ancora piangi
                                                  quando intravedi un arcobaleno?

 © IreneMarchi 2017

*sto (ri)ascoltando  Eva Cassidy – Over The Rainbow
https://www.youtube.com/watch?v=2rd8VktT8xY 

Jimi Hendrix – Bold As Love


 

Che cosa chiederesti

Padova - Murales nei pressi di Piazza dei Signori

Padova – Murales nei pressi di Piazza dei Signori

Quando un murales ti incanta… questo l’ho incontrato girovagando  per le strade di Padova: un grazie all’autore.

Che cosa chiederesti

Che cosa chiederesti
                                     alla tua ombra
prima del tramonto?
«Sostienimi!» vorrei chiederle io,
«Sostieni il peso
– non tutto! Anche solo di una parte dei pensieri –
sostieni il mio cielo
                                  quando cade a pezzi
sostieni la mia terra
                                   quando trema
sostieni il respiro
                               quando sembra stancarsi.
Sostienimi: tu hai la leggerezza che mi manca».
 
©IreneMarchi2017

* sto ascoltando Keane – My Shadow
 https://www.youtube.com/watch?v=lnO2AJiMUZ0

Su ben poco…

ederasumuro

Su cosa possiamo dire di avere realmente il controllo?

Almeno

Se strappiamo l’edera
dal muro — già  intaccato
da quella tenace carezza —
è per paura:
il nostro controllo
avrà  la meglio — almeno —
su ciò che si può afferrare?

©IreneMarchi2016

* sto ascoltando Eels – P.S. You Rock My World

https://www.youtube.com/watch?v=vDpuuT6YsJg

Insonnia

caosgrigio

Che faccia ha la tua insonnia?

Soluzioni inutili

Contro il caos grigio
dei pensieri
— ci succhiano la calma
                                  dai respiri
e il sonno
            dagli occhi —
non basterà  la citronella
che sfiamma
né immergersi nel buio
di stanze sigillate.
Ci calmerà, forse,
quel frammento stupito
di luna: virgola bianca,
                            breve fiato
ai nostri monologhi
soffocati e privi di punteggiatura.

© Irene Marchi 2016

*sto ascoltando Eels – I Need Some Sleep

https://www.youtube.com/watch?v=TWzFY-nUpTU

Tutti ugualmente minuscoli

 

nessuna maiuscolaGuardiamo il cielo, guardiamo la vita e guardiamo la morte:

non siamo forse tutti uguali? Tutti ugualmente minuscoli.

nessuna maiuscola

eccoci qui
come lettere sparse
s  p  a  r  s  i
          a terra, tutti,
dalla a alla zeta
e se ti vedi maiuscolo
nessuna convinzione,
è solo per convenzione

sparsi a terra siamo
                             tutti:
il prodotto di un grande sgambetto.

©irenemarchi 2017

* sto ascoltanto Bob Dylan – Like a Rolling Stone

Il vuoto

manchi

Le persone ci lasciano, e ci mancano:

fa parte della vita che sa (anche) bruciare senza pietà.

 

Manchi

Manchi
nel vuoto delle ore
e manchi
nella corsa delle ore

                             manchi.
La tua assenza è ingombrante
come la parola SE
scavata
ai bordi di un desiderio.

©IreneMarchi2017

* ascoltando Les Jours Tristes (Instrumental) – Amelie Poulain – Soundtrack di Yann Tiersen

 https://www.youtube.com/watch?v=iE-m_oVci48

Dov’è il cuore?

cuore

Dove sta il cuore? Davvero in mezzo al petto o attorcigliato nei nostri pensieri? Chi comanda che cosa?

P.S.  Una volta mi è capitato di sentire il ritmo del mio cuore (con lo strumento dell’ecografista) e subito mi è venuto in mente Jimi Hendrix mentre “scalda” la chitarra: “Cominciamo bene!” ho pensato…

Dov’è il cuore?

Batte il cuore
sussurra, corre, scavalca,
brucia il cuore
strazia, soffoca, impazzisce
chiede aiuto il cuore
pianopoifortepoiurla.
Chiede il cuore
chiede
chiede
chiede

Tace il cuore.
Ma dov’è il cuore?

©IreneMarchi2017

*Ascoltando Lou Reed – Rock and roll heart

Ma forse mi sbaglio

Particolare del Castello di Marostica (Vicenza) - sala interna

Particolare del Castello di Marostica (Vicenza) – sala interna

Ma forse mi sbaglio…

Un-due-tre…

Le distanze ci comandano
̶  non troppo vicini
meglio tre passi indietro  ̶
il nulla misurato  per rimanere
                                                indifferenti
vuoti calcolati per non sfiorare
i veri pensieri.
Geometrie sociali
                       che sanno di noia
atteggiamenti appesi a calici di vino.
«Mi concede questo valzer della solitudine sorridente?».

©IreneMarchi2017

* ascoltando Green Day – Boulevard Of Broken Dreams

 

 

Poesia per un padre

per babbopsdNo, non te ne sei andato: eccoti qui

che mi spingi a non smettere di scrivere…

 

 

A mio padre   (poesia di Alfonso Gatto)

Se mi tornassi questa sera accanto
lungo la via dove scende l’ombra
azzurra già che sembra primavera,
per dirti quanto è buio il mondo e come
ai nostri sogni in libertà s’accenda
di speranze di poveri di cielo
io troverei un pianto da bambino
e gli occhi aperti di sorriso, neri
neri come le rondini del mare.
Mi basterebbe che tu fossi vivo,
un uomo vivo col tuo cuore è un sogno.
Ora alla terra è un’ombra la memoria
della tua voce che diceva ai figli:
– Com’è bella notte e com’è buona
ad amarci così con l’aria in piena
fin dentro al sonno – Tu vedevi il mondo
nel plenilunio sporgere a quel cielo,
gli uomini incamminati verso l’alba.

Alfonso Gatto, da La storia delle vittime, 1945

Permettetemi ora una poesia personale…

Ho conosciuto

                              (al mio babbo)

Ho conosciuto
con te, babbo,
la radice dolce
                 e salda
del bene

ora sei fiore
volato nel vento
ma la tua radice rimane

dolcissima

              in me.
Per sempre. 

Irene, 12 maggio 2017

 

Quando senti la tempesta

ilsoleprimadellatempesta

Perché una tempesta la senti, la intuisci…puoi ignorarla, negarla, ma poi la senti più forte, la vedi arrivare: non puoi scappare. Ora sei dentro alla tempesta. Respira, respira… passerà.

Quando senti la tempesta

Il  cielo
che precede un temporale
è così solido
nella sua paurosa bellezza

senti con gli occhi  ̶  o con il respiro?  ̶
il peso
          di nuvole
mature, nere
di unʼacqua pronta a lavare
veli di tempo e di attesa.

Ogni fiore aspetta   ̶  o teme?  ̶
il rombo scuro dellʼinizio.
 
©Irene Marchi 2017

* ascoltando Deep Purple-Stormbringer