Oltre il freddo

un grido. Comunque vada

Fa freddo in questi giorni (qui da me – in Veneto – le previsioni parlano di neve): sfoglio un libro di Pierluigi Cappello (un poeta prezioso che purtroppo è scomparso lo scorso ottobre,  friulano, quindi anche lui toccato da certi freddi cieli del Nord)  e trovo queste  due poesie che parlano di inverno, neve, ghiaccio. Un freddo che però  viene trapassato da un grido, rintracciabile in entrambi i testi e che ha la stessa origine. Che quel grido possa essere più forte di ogni freddo, nonostante tutto.

XI

Non è soltanto una nevicata
di fiocco sopra fiocco
o bianco silenzioso
per spuntare lo stocco

del mio sentire dolore,
il bianco della nevicata:
né compagnia di ghiaccio
per disgelare la piazza

amara del mio cuore
oppure il vuoto del grembo;
ma quel tutt’uno della terra

un passo prima del buio
nel pallore del cielo
è gridare amore.

 

Nol è nome nevere
di floc parsore floc
o blanc cidinorôs
par dispocâmi il poc

dal gno sintî dolôr,
il blanc da la nevere:
nì companie di glace
par disglaçâ la place

suturne dal gno cûr
o pûr il vueit dal grim;
ma chel dutun de tiere

un pas prime dal scûr
tal palidôr dal cîl
al è sigâ d’amôr.

X

Oggi che è inverno di freddo,
specchio di freddo sul foglio
e il cuore trema
come un ramo scalzo;

oggi che dire è partire
e amor di me si annega
tra la parola detta
e quella ancora da dire;

ascoltami bene,
che bene so morire a me
Donzel, cifra d’amore:

fra me e me, anima mia
ci sono io che grido io
nell’oro del silenzio.

Vuê ch’al è unvier di frêt
spieli di frêt sul fuei
e il cûr mi trimulee
come un ramaç discolç;

vuê che dî al è partî
e amôr di me s’innee
fra la peraule dite
e chê ancjemò di dî;

scoltimi ben che ben
jo o sai murîmi a mi
Donzel, numar d’amôr:

fra me e me anime mê
soi jo che o sighi jo
ta l’aur dal cidinôr.

Pierluigi Cappello, da Il me Donzel, in Azzurro elementare, 2013

* ascoltando Nick Drake – Northern Sky https://www.youtube.com/watch?v=S3jCFeCtSjk