Attenti alle parole

parolejpg

Le parole non sono soltanto lettere messe insieme: sono armi, fiori, sassi e piume; sono pioggia, ghiaccio, tempesta  e una sera d’estate. Tutte queste cose toccano molto più di lettere allineate. Poi c’è il silenzio che è un (mondo)parola a parte.

Siate cauti con le parole

Siate cauti con le parole,
anche con quelle miracolose.
Per le miracolose facciamo del nostro meglio,
a volte sciamano come insetti
e non lasciano una puntura ma un bacio.
Possono essere buone come dita.
Possono essere sicure come la roccia
su cui incolli il culo.

Ma possono essere margherite e ferite.
Io sono innamorata delle parole.
Sono colombe che cadono dal tetto.
Sono sei arance sacre sedute sul mio grembo.
Sono gli alberi, le gambe dell’estate,
e il sole, il suo volto appassionato.

Ma spesso non mi bastano.
Ci sono così tante cose che voglio dire,
tante storie, immagini, proverbi, ecc.

Ma le parole non sono abbastanza buone,
quelle sbagliate mi baciano.
A volte volo come un’aquila
ma con le ali di un passero.

Ma cerco di averne cura
e di essere gentile con loro.
Le parole e le uova devono essere maneggiate con cura.
Una volta rotte sono cose impossibili da aggiustare.

Anne Sexton (1928 –1974)

 

Si impara a tacere con gli anni

Non c’è parola più certa di un’altra.
S’impara a tacere con gli anni,
anche se sembra che parliamo.
Si nasce senza parole
e con tutte le parole distrutte ce ne andiamo.
E tuttavia,
nonostante vivere significhi ammutolire,
esiste un piacere primordiale nel silenzio,
che giustifica tutti i silenzi.

Roberto Juarroz (1925-1995), da Poesia Vertical

*ascoltando  Elisa – Bitter Words https://www.youtube.com/watch?v=4VVZlvTLJ_4

Parole e silenzi

parole

Cosa sono e cosa fanno le parole?  Si parla solo con le parole? (Due poesie di José Saramago*)

«Le parole sono nuove… »

Le parole sono nuove: nascono quando
in aria le lanciamo in cristalli
di delicate e dure risonanze.

Siam simili agli dei, quando inventiamo
nel deserto del mondo questi segni
come ponti che abbracciano distanze.

 

Nel silenzio degli occhi

In che lingua si dice, in che nazione,
in quale umanità s’è mai imparato
il verbo che può dar ordine al caos
che in questo turbinio s’è formato?
Che sussurro di vento, che dorato
canto d’uccello su in alto posato
può dire, a voce, quello che, tacendo,
nel silenzio degli occhi confessiamo?

 

*José Saramago (premiato col Nobel per la letteratura nel 1998) è autore di moltissime opere che spaziano dai romanzi ai racconti, dalle cronache ai diari e ai drammi, fino alla poesia; quello poetico però, è forse l’ambito in cui Saramago è meno conosciuto. In realtà il suo vero esordio sulla scena letteraria portoghese è avvenuto proprio con la poesia: nel 1966 esce la prima delle sue raccolte Os poemas possiveis (Le poesie possibili). Del 1970 invece è la seconda e ultima raccolta Provavelmente Alegria (Probabilmente allegria).

(Le poesie  qui riportate sono tratte dal volume che comprende entrambe le raccolte: José Saramago – Poesie, Einaudi, 2002, con testo in lingua originale e introduzione e traduzione a cura di Fernanda Toriello; in particolare appartengono a  Le poesie possibili, la prima raccolta fitta di interrogativi con cui l’autore dà vita  a un’operazione di scavo della parola e a una ricerca dell’essenziale).

*ascoltando Yodelice – Talk To Me https://www.youtube.com/watch?v=CN96ATxu-KM