Le parole, le carezze

chagall le coq rouge-chagall

Particolare da Mark Chagall, “Le coq rouge”, 1957

 

Ogni avarizia è poco delicata, ma l’avarizia di parole (soprattutto se gentili) è forse la più assordante, nel suo silenzio: il silenzio di quello che vorremmo sentire e di quello che alla fine non viene detto si somma al silenzio che poi rimane e rimbomba nella memoria. Il momento presente ha bisogno anche di parole (e gesti, possibilmente): c’è il pericolo che le parole tenute per un qualche domani, e poi mai dette, continuino a rimbalzare a lungo nella nostra mente sotto forma di rimpianto. Diciamole le parole che sanno essere carezze.

 

Formica

Su non vedi che sono un po’ formica
dimmele allora quelle parole buone
le metterò via tutte bene in cantina
per quest’inverno
quando per niente gelo
lo sai come sono fatta.

Vivian Lamarque, da Poesie 1972 – 2002, Mondadori

 

Pudore

Se qualcuna delle mie povere parole
ti piace
e tu me lo dici
sia pur solo con gli occhi
io mi spalanco
in un riso beato
ma tremo
come una mamma piccola giovane
che perfino arrossisce
se un passante le dice
che il suo bambino è bello.

Antonia Pozzi, da Guardami: sono nuda

*ascoltando Depeche Mode – One Caress https://www.youtube.com/watch?v=fphsbLtrDe8

Le parole, le carezzeultima modifica: 2016-01-22T23:14:02+01:00da irenesettanta
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento