Er-ro-ri

mistake n 1000000

Due occhi, un naso, una bocca e sempre troppi errori.
Potendo scegliere vorrei essere un albero.

Dai vicini un bimbo suona Per Elisa.
Sempre da capo, sempre quell’errore.
Il dogma dell’infallibilità
è stato un passo falso. È un fatale capitombolo
del parassita quello di uccidere l’ospite.
Detto altrimenti globalizzazione.

Pudico si occulta l’errore decisivo
in una duna di sbagli di poco conto
e ci sprofonda. Mai finora sono mancate
voci che avvertivano:
il mondo è l’Incorreggibile.

Patetici sforzi per riparare, rammendare,
otturare, riformare, migliorare
con inchiostro rosso e pentimenti
portano a nuovi errori ancor piú grossi.

Certo, difetti congeniti e aborti
sono due paia di maniche.
Però anche l’esecuzione fallisce,
il colore, l’invito, l’avvio,
l’accensione e il passo.

Una via lattea di confusioni
che c’è da stupirsi. Considerando il complesso
ne risulta un miracolo.

Evitare errori a ogni costo
sarebbe un errore.
Si confessa, si ammette
che si è sbagliato il gesto,
la direzione di marcia e anche a scrivere.

Certe poesie per esempio
sarebbero perfette
se non le avesse preservate da questa sorte
un errorino da nulla.

È per svista che si è felici,
talvolta, per un momento,
per svista. Ma qualcosa non va.

Hans Magnus Enzensberger, da Piú leggeri dell’aria, Einaudi, Torino, 2001, traduzione di Anna Maria Carpi

*ascoltando James Blunt – Same Mistake https://www.youtube.com/watch?v=b3c32wBYdU0

Sempre di errori, qui: http://lapoesianonsimangia.myblog.it/2016/01/30/sugli-errori/ e qui: http://lapoesianonsimangia.myblog.it/2015/12/20/errori/

 

Er-ro-riultima modifica: 2017-12-27T15:41:00+01:00da irenesettanta
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento