Pochi calcoli e poche chiacchiere

boscoAlcuni consigli che trovo poeticamente umani. Entrambe le poesie sono di Franco Arminio, tratte da Resteranno i canti.

 

Consigli semplici

Per prima cosa attenzione al luogo,
un pensiero che viene in un bosco
è diverso da un pensiero che viene in ascensore.
Disertare le chiacchiere quanto più è possibile,
fanno sbiadire l’anima.
Essere entusiasti di se stessi, ogni tanto.
Procurarsi del tempo per visitare i dintorni.
Sentirsi in pericolo
e vivere sapendo che sei in pericolo.
Rivelarsi, sanguinare,
mostrare miserie non visibili a occhio nudo.
Badare alla propria lingua.
Capire che la questione non è farsi spazio
nel mondo, ma sentire lo spazio
lo spirito che c’è in ogni spazio.

 

Sereno
e senza speranza,
esci di casa,
guarda.
Segui la terra,
regala le tue vertebre
ai passanti.
Alla fine dei tuoi giorni
resteranno
le tue imprudenze,
più che gli indugi
resteranno
i canti.

Franco Arminio, entrambe tratte da Resteranno i canti, 2018, Bompiani

*ascoltando Max Gazzè – Splendere ogni giorno il sole https://www.youtube.com/watch?v=zLurBvISW34

(altri suggerimenti simili: https://lapoesianonsimangia.myblog.it/2018/01/06/due-suggerimenti/; https://lapoesianonsimangia.myblog.it/2018/01/08/ancora-suggerimenti/)

Pochi calcoli e poche chiacchiereultima modifica: 2018-05-29T14:45:03+02:00da irenesettanta
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento