Il gatto del pittore

gattoOggi nella vetrina (sì, nella vetrina) di un negozio di quadri c’era questo gatto nero che saltellava senza sosta inseguendo le mani di tutte le persone che si fermavano a guardarlo e a farlo giocare. –Ehi, VanGogh!- Mi sono trovata a esclamare (come una stupida) per fargli la foto…

Tu hai un gatto (o due, tre…)? Che nome gli hai dato? (Perché il nome è una cosa seria).

Il nome dei gatti

È una faccenda difficile mettere il nome ai gatti;
niente che abbia a che vedere, infatti,
con i soliti giochi di fine settimana.
Potete anche pensare a prima vista,
che io sia matto come un cappellaio,
eppure, a conti fatti,
vi assicuro che un gatto deve avere in lista,
TRE NOMI DIFFERENTI. Prima di tutto quello che in
famiglia
potrà essere usato quotidianamente,
un nome come Pietro, Augusto, o come
Alonzo, Clemente;
come Vittorio o Gionata, oppure Giorgio o Giacomo
Vaniglia –
tutti nomi sensati per ogni esigenza corrente.
Ma se pensate che abbiano un suono più ameno,
nomi più fantasiosi si possono consigliare:
qualcuno pertinente ai gentiluomini,
altri più adatti invece alle signore:
nomi come Platone o Admeto, Elettra o
Filodemo –
tutti nomi sensati a scopo familiare.
Ma io vi dico che un gatto ha bisogno di un nome
che sia particolare, e peculiare, più dignitoso;
come potrebbe, altrimenti, mantenere la coda
perpendicolare,
mettere in mostra i baffi o sentirsi orgoglioso?
Nomi di questo genere posso fornirvene un quorum,
nomi come Mustràppola, Tisquàss o Ciprincolta,
nome Babalurina o Mostradorum,
nomi che vanno bene soltanto a un gatto per volta.
Comunque gira e rigira manca ancora un nome:
quello che non potete nemmeno indovinare,
né la ricerca umana è in grado di scovare;
ma IL GATTO LO CONOSCE, anche se mai lo confessa.
Quando vedete un gatto in profonda meditazione,
la ragione, credetemi, è sempre la stessa:
ha la mente perduta in rapimento ed in contemplazione
del pensiero, del pensiero, del pensiero del suo nome:
del suo ineffabile effabile
effineffabile
profondo e inscrutabile unico NOME.

T.S. Eliot (Saint Louis – Missouri – 1888 – Londra 1965), da Il libro dei gatti tuttofare (Old Possum’s Book of Practical Cats), 1939, traduzione di Roberto Sanesi

*ascoltando Freddie Mercury – Delilah https://www.youtube.com/watch?time_continue=5&v=0u48-HjJr-s

Il gatto del pittoreultima modifica: 2018-10-10T19:04:18+02:00da irenesettanta
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento