Il troppo e il vuoto

vuoto e pieno

Pesa (molto) il troppo che ci circonda,  ma pesa (molto) anche il vuoto che a volte ci scende dentro.

Tròpo

Tròpo casìn,
e tròpi batimàn ai funerali,
e tròpi cui e tuti ’n bèlo vede,
tòpe bandée,
tròpi vestìdi, scarpe e baterìe
de tiàan ca no usiémo mai,
tròpe màchine che ormai
la crève ’r mondo,
tròpe carte tròpe coe,
tròpa susta de tròpi chi no san
chi doviàn moìe.

Troppo

Troppo clamore
e troppi battimani ai funerali,
troppi culi e tutti in bel vedere,
troppe bandiere,
troppi vestiti, scarpe e batterie
di tegami che non useremo mai,
troppe auto che ormai
coprono il mondo,
troppe carte troppe code,
troppa arroganza di troppi che non sanno
che dovranno morire.

Paolo Bertolani (Lerici, 1931-2007), da S de Sea, 2002, in “Poesia” n. 329, settembre 2017, p. 51

 

 

È arrivato l’oblio.
Lo ricevo in silenzio
grata.
Ma mi curvo
come una foglia secca,
perché il vuoto
pesa.

Susana Cabuchi (Córdoba, 1948), da Álbum familiar, 2000

 

*ascoltando Jimmy Page (Yardbirds) – White Summer https://www.youtube.com/watch?v=iF8f234sLio

Il troppo e il vuotoultima modifica: 2018-10-12T15:39:00+02:00da irenesettanta
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento