Comunque

VENUS FLORENCE – TVBOY copia

Street art by Tvboy (Salvatore Benintende), “Hipster Venus in Florence“, Firenze

“Comunque” è un avverbio che sa consolare (a prima lettura, almeno): ci parla di qualcosa che era (comunque) inevitabile, ci toglie un po’ di responsabilità (solo un po’). Vabbè, a pensarci bene  non consola poi così tanto, però è una parola simpatica. O no?

 

Tanto ti avrei comunque incontrata forse al metrò
forse nell’androne di un palazzo forse t’avrei soltanto definita

per approssimazione e deliri
e sogni leggeri come l’andamento svagato e lento di una piuma

tanto t’avrei sicuramente perduta prima o poi
per colpa tua o mia
o anche del vento di settembre che asciuga grappoli e desideri

tanto t’avrei ripresa
prima o poi
un giorno o l’altro
con il sapore che c’è nelle cose
nel cuore che pulsa, per esempio,
e negli occhi che incontrano gli occhi t’avrei ripresa, lo giuro,

in uno sbadiglio
per un battito di ciglia

Emilio Piccolo (Acerra, 1951 -2012), fonte:  Vico Acitillo 124 – Poetry Wave http://www.vicoacitillo.it/emilio/Fiori.html

Comunqueultima modifica: 2020-12-27T17:23:33+01:00da irenesettanta
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento