Una domanda per te

estate

Controcorrente (una domanda per te)

Ho bisogno di annodare
                                       la calma
ai passi di ogni estate,

mentre il mondo si mischia
tra risate afose
ho bisogno d’invernarmi.

E tu?

Irene Marchi, da La parte in ombra, Edizioni Ensemble, 2018

*ascoltando Janis Joplin – Summertime https://www.youtube.com/watch?v=guKoNCQFAFk

Faccine che ridono, faccine che piangono

idiozie

A che cosa serve la domanda Come stai? se quando la facciamo non abbiamo alcun interesse ad ascoltare la risposta (vera)?  Sì, d’accordo, ormai la facciamo tutti in modo automatico Ehi, ciao, come va?  e giù con le solite frasi fatte in risposta e in contro risposta.  Ma a che servono, veramente?  Forse soltanto ad accrescere il senso di solitudine…
Secondo me Come stai? può anche essere una bella domanda, ma  solo quando siamo disposti ad ascoltare (o a cercare) la vera risposta.

Avrei dovuto (ascoltare)

Avrei dovuto
ascoltare
quello sguardo
perché – ora lo so – urlava così:
Vorrei un aiuto per capire
il freddo
che mi soffoca, vorrei un aiuto
adesso
(non venerdì ore 18.30 terza seduta pagare alla segretaria)
vorrei un aiuto
prima che si dica
– Avrebbe avuto bisogno di un aiuto.

Avrei dovuto (ascoltare).

©Irene Marchi  2019

*ascoltando The Beatles – Help! https://www.youtube.com/watch?v=2Q_ZzBGPdqE

… mille, mille e uno, mille e due…

conta

Contare

Resti
certe notti
a contare le ore,  mille
quelle che non dormi
–  mille volte muori in quelle notti

ti dicono conta le nuvole, le pecore, i momenti belli
ma le uniche cose
che il cuore riesce a contare
– mentre rincorre i battiti –
sono
due
tre
quattro

i giri della lancetta corta

e una,
la tua vita che non ritorna.

©Irene Marchi 2019

*ascoltando  Funkadelic – Maggot Brain
https://www.youtube.com/watch?v=elCC5JKmh54

 

Sei pari o dispari?

dispari

Dispari

Tu sei pari o dispari?
Fai anche tu pensieri dispari?
Di quelli che ti avanza sempre un grumo aspro
che stride
e stride, senza sosta.
Cammini anche tu a passi dispari:
più avanti di uno o di uno più indietro,
fuori tempo in ogni tempo?
In quanti dormiamo
scomodi e male allineati
sotto la voce “Dispari”
del dizionario?

©Irene Marchi 2019

*ascoltando Dave Brubeck – Take Five https://www.youtube.com/watch?v=vmDDOFXSgAs

Punti di vista

papavero3salutSei tu che fotografi lui o è lui che fotografa te?

Senza filtri

Mentre fotografavo
ho sentito la voce dei papaveri
–  c’era intorno il silenzio
e il respiro calmo del frumento –

ridevano di me:
che ingenua, sussurravano
scherzando col vento,
non ha ancora capito che la vita
va toccata
e non guardata soltanto.

©Irene Marchi 2019

*ascoltando Eric Clapton – Blues in ‘A’ https://www.youtube.com/watch?v=TxO_Fi3V73o

Liberi di… ?

(foto di lapoesianonsimangia) - dalla Mostra "Woodstock - Freedom" - Museo Civico Asolo (fino al 12maggio 2019)

(foto di lapoesianonsimangia) – dalla Mostra “Woodstock – Freedom” – Museo Civico di Asolo (fino al 12 maggio 2019)

Quanta libertà ti manca?

Materia preziosa

Invidio
le cime di montagna
vestite di sassi e rododendri
e il vento
               nudo
che balla
tra i petali di un melo

invidio
la sabbia
che consuma questo legno
e la voce sicura del mare
che lo riporta là
                        da dove viene

invidio
̶  sì, invidio  ̶
ciò che è fatto soltanto
                                   di libertà.

 
Irene Marchi, da La parte in ombra, Edizioni Ensemble, 2018

*ascoltando Steppenwolf – Born to Be Wild https://www.youtube.com/watch?v=egMWlD3fLJ8

Segni particolari?

sottolapioggia

Mamma, come si riconosce l’amore?

Se non ti esplode un sorriso
mentre cammini da sola
– nell’ovunque e in ogni caos –

se il battito non ti scuote
nei pensieri nelle vene e in fondo agli occhi 
come i colpi di una batteria scatenata
– che mai si ferma, mai –

se piove e apri l’ombrello
e se ancora riesci a dormire,

è solo una piacevole partita a carte

non chiamarlo amore.

©Irene Marchi  2019

*ascoltando Hans Zimmer (suondtrack dal film La casa degli spiriti – “Pedro e Blanca”) https://www.youtube.com/watch?time_continue=2&v=DOWe4YHBzBc

Nessun salvataggio

salvataggio

 

 

Salvati da sola

Salvati da sola,
abbraccia l’alba e smettila
di masticare i giorni e le tue mani:
hai sbattuto contro un muro
e allora?
Altri muri verranno
a spezzare i tuoi passi

ma salvati sempre da sola,
metti i fiori in quel vaso
scosta la tenda
e non aspettare nessuno.

©Irene Marchi 2019

*ascoltando Queen – The Show Must Go On https://www.youtube.com/watch?v=t99KH0TR-J4

Bianco o nero?

idioti

Cinquanta sfumature di testardaggine e orgoglio.

Allargare lo sguardo?

Tu vedi bianco
e io vedo nero,
ne siamo convinti entrambi:
Quello è bianco!
Quello è nero!

Che sciocchi,
c’era l’azzurro tutt’intorno
e non ce ne siamo accorti.

© Irene Marchi 2019

* ascoltando Deep Purple – When a Blind Man Cries https://www.youtube.com/watch?v=9_Iq9CWuqMM

“M’illumino di meno” (ma m’illumino meglio)

 piùlucemenolucetantocaoscomunque

In occasione della Giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili e dell’iniziativa M’illumino di Meno promossa da Caterpillar e Rai Radio2 (ideata nel 2005 per chiedere ai propri ascoltatori di spegnere tutte le luci che non sono indispensabili) https://www.raiplayradio.it/articoli/2017/11/Millumino-di-Meno-5f36dba8-24f8-4480-9235-080b2db021de.html
ripropongo  questa poesia:  più luce che arriva da dentro di noi (anche se non è sempre facilissimo).

Illuminiamoci più spesso

Illuminiamoci più spesso,
bevendo un caffè
parlando di te e di me
parlando anche col gatto.
Illuminiamoci lo stesso
anche se fa troppo freddo
anche se cʼè sempre la guerra.
Illuminiamoci per dispetto
alla faccia del dolore
facendo il verso al buio.
 
Forza, illuminiamoci vivendo.
 
Irene Marchi, da La parte in ombra, Edizioni Ensemble, 2018

*ascoltando Creedence Clearwater Revival – Long As I Can See The Light  https://www.youtube.com/watch?v=Q1809vqz3zA