Inaccettabile?

Di recente sono stata all’ufficio postale per spedire un pacco: l’oggetto da spedire era di vetro quindi ho cercato di imballare al meglio, ma sulla scatola ho comunque scritto il classico FRAGILE. Appena l’impiegata ha visto la scritta sulla scatola mi ha detto con decisa enfasi che no, FRAGILE non esiste proprio!, che il pacco deve essere imballato e protetto e che la parola FRAGILE non serve a nulla perché in ogni caso il pacco verrà trattato come tutti gli altri. Certamente, ho risposto, il pacco è bene imballato, ma sa…. ho scritto FRAGILE – un po’ ingenuamente – pensando che magari potesse essere maneggiato con maggiore cura eccetera eccetera… .

Comunque il pacco adesso è in viaggio e speriamo bene. Ma la reazione dell’impiegata mi ha fatto pensare che in fondo anche noi siamo un po’ come i pacchi da spedire: dobbiamo essere  sempre  “forti” (perché così ci viene insegnato, imposto, inculcato), per resistere agli urti degli altri pacchi, guai ad essere fragili e peggio ancora se ci mostriamo tali, se ammettiamo di esserlo. La fragilità non è ammessa: una volta di più mi sono resa conto che la parola FRAGILE è inaccettabile, anche se scritta sui pacchi da spedire.
(Qual è il tuo grado di – umana – fragilità? A te stess* puoi dirlo!)

***

fragili tutti

come se fossimo di vetro tutti
guardiamoci negli occhi ma piano
pianissimo e senza scure bugie,
foglie nei capelli e piedi nudi
ché tutto il resto sono battaglie
sciocche, travestite da relazioni

©IreneMarchi2022

°ascoltando Sting – Fragilehttps://www.youtube.com/watch?v=lB6a-iD6ZOY

Fragili e forti (?)

fragile1

Sarà vero che la fragilità nasconde una forza? (Speriamo di sì.)

 

Dentro il fiume
non essere risoluti
balbettare e inciampare
lasciare l’adozione terrestre
senza alleanze navigare
faccia al cielo
il corpo battello.
Lasciarsi guardare
dalle luci celesti,
la franchezza della paura
è un nadir
che cura i polsi
e regola le direzioni.
Se ti senti frantumabile
hai un punto di forza
da cui sentire.

Chandra Livia Candiani, da La domanda della sete, Einaudi, 2020

♥ ascoltando Fabrizio de André – Amico fragile https://www.youtube.com/watch?v=5mkNp_iozh4