Percezioni differenti

hopeyouarefine

Una situazione  piuttosto frequente…

Io e te

Io spiego con calma. Tu
mi senti urlare. Tu
provi un’altra strada. Io
sento vecchie ferite riaprirsi.
Tu vedi entrambi i lati. Io
vedo i tuoi paraocchi. Io
sono conciliante. Tu
sospetti un nuovo egoismo.
Io sono una colomba. Tu
riconosci il falco. Tu
offri un ramo di ulivo. Io
sento le spine.
Tu sanguini. Io
vedo lacrime di coccodrillo. Io
indietreggio. Tu
barcolli per l’impatto.

 

Roger McGough (Liverpool 1937),  da Eclissi quotidiane. Poesie scelte 1967-2002, a cura di Franco Nasi, Edizioni Medusa, 2004

*ascoltando Cat Stevens – Maybe You’re Right https://www.youtube.com/watch?v=OHohGsyiqhY

(Altre incomprensioni, qui: https://lapoesianonsimangia.myblog.it/2017/11/10/non-capirsi/)

Bianco o nero?

idioti

Cinquanta sfumature di testardaggine e orgoglio.

Allargare lo sguardo?

Tu vedi bianco
e io vedo nero,
ne siamo convinti entrambi:
Quello è bianco!
Quello è nero!

Che sciocchi,
c’era l’azzurro tutt’intorno
e non ce ne siamo accorti.

© Irene Marchi 2019

* ascoltando Deep Purple – When a Blind Man Cries https://www.youtube.com/watch?v=9_Iq9CWuqMM

Dieci (a volte undici)

insiemidisgiunti

Domanda: in una scala da uno a dieci, quanto è difficile che A capisca B e che B capisca A?

 

Come mille altri (stupidità di due persone)

Così
               restiamo,
aridi canti
e senza musica:

stupide disarmonie
                        di dispetto
cullano
il silenzio
                      che vince.

Irene Marchi, da La parte in ombra, Edizioni Ensemble, 2018 (la mia seconda raccolta di cui parlo qui https://lapoesianonsimangia.myblog.it/2018/06/19/la-parte-in-ombra/)

*ascoltando The Smiths – Oscillate Wildly
https://www.youtube.com/watch?v=gXLJElH_OR4