Come una nuvola

anche una stella

Fatti nuvola

Il tempo t’insegnerà
a essere nuvola:
cambierai forma nel vento
senza aspettare il tramonto
per sentirti colore.

Fatti nuvola
per sfiorare gli alberi
per vedere meglio ogni cosa
per sorridere nel buio

e fatti nuvola – se vuoi –
anche per piangere.

Irene Marchi, da L’uso delle parole e delle nuvole, Cicorivolta Edizioni, 2020

Il momento difficilissimo che stiamo vivendo offusca un po’ tutto:

ciò che non riguarda “l’essenziale” passa (giustamente) in secondo piano, e penso che questo ci possa insegnare molto. Spero che non ce lo dimenticheremo quando torneremo alla “normalità”.

Nel frattempo restiamo a casa! #Iorestoacasa con la poesia che, in genrale, sa fare compagnia e a volte sa anche consolare. Ieri è  uscita la mia terza raccolta di poesie “L’uso delle parole e delle nuvole”, edita da Cicorivolta Edizioni (che ringrazio anche qui  per la fiducia): è una raccolta più “morbida” rispetto alle prime due. Lascio qui sotto la nota introduttiva e la copertina…  grazie se hai letto fin qui!

Nota introduttiva
Tutte le poesie di questa raccolta ruotano in qualche modo
attorno alle parole (quelle dette e non dette, scritte e non scritte, le parole che ci definiscono o in cui non ci riconosciamo più, quelle che rimangono con noi o quelle che vorremmo cancellare, e così via) oppure al cielo, e in particolare alle nuvole (e a tuttele loro manifestazioni: pioggia, neve, rugiada…).
Ho voluto raccontare una sorta di antitesi tra l’uso delle parole, capaci talvolta di ferire o comunque spesso incapaci di far stare bene (perché male utilizzate, se non addirittura assenti) e l’uso delle nuvole. Ma che cosa vuol dire l’uso delle nuvole? Mi riferisco alla possibilità di trarre consolazione, o semplicemente di trovare ascolto e compagnia, da questi elementi naturali. E proprio dalle nuvole vorrei imparare un linguaggio delicato, lieve, privo di aggressività.
Sono certa di non essere da sola in questa ricerca, perciò,
sebbene queste poesie nascano da un vissuto o da un punto di vista inevitabilmente personali, mi rivolgo, sempre, a un tu universale che spero si possa ritrovare (anche soltanto per un attimo) tra queste righe.
Irene Marchi

L_USO_DELLE_PAROLE_E_DELLE_NUVOLE_cover_web*ascoltando  Peter Green – Slabo Day https://www.youtube.com/watch?v=INOVuZQsxKQ

Chi sono (e che cosa ho scritto)

Ciao! Mi chiamo Irene Marchi. Sono nata a Firenze nel 1970, ma vivo da sempre in Veneto (dalle parti di Treviso). Laureata in Lettere, poi insegnante di sostegno, ho letto sempre tanto, ma di sicuro non pensavo di poter scrivere. Pochi anni fa, invece, per gioco o forse per necessità, ho cominciato (anche se non so se è realmente scrivere o solo un buffo tentativo) e ora non riesco a smettere.

 

 

Che cosa ho scritto?

Una mia raccolta di poesie è stata pubblicata nel 2015, Fiori, mine e alcune domande – Sillabe di Sale Editore (che si è in seguito classificata al primo posto, per la sezione poesie, al concorso letterario indetto dal Buk Festival della piccola e media editoria    nell’edizione del 2017).

buk festiva lirene marchi primo premio poesia 2017

Qui sotto spiego con una poesia di questa raccolta come mi sento di solito:

chi sei - poesia di Irene Marchi

Altre poesie della raccolta sono riportate qui nel blog (nella categoria: Poesie della prima raccolta). Qui il collegamento a una breve intervista.

copertina uff fiori mine e alcune domandeUna seconda raccolta è stata invece pubblicata a giugno del 2018: La parte in ombra, Edizioni Ensemble (qui sotto riporto la copertina). Anche di questa raccolta sono presenti numerose poesie qui nel blog (nella categoria: Poesie della seconda raccolta).

copertina la parte in ombra irene marchiLa terza raccolta è uscita a marzo del 2020: L’uso delle parole e delle nuvole, Cicorivolta Edizioni.

L_USO_DELLE_PAROLE_E_DELLE_NUVOLE_cover_web

Per chi fosse interessato, il libro è ordinabile sul sito dell’editore o in tutti i principali store online: Feltrinelli, LibreriaUniversitaria, IBS ecc., oltre che nelle librerie presenti in questa lista. (Lascio qui il link a una recensione di NoiDiCrunched https://www.crunched.it/leggere/libri/1306-l-uso-delle-parole-e-delle-nuvole.html?fbclid=IwAR0wCfEYhyvsoTfRcGSiXFbHtsKxRMErUA8W18KW6dZ92RyKxXf_QlznYKU).

La quarta raccolta è uscita a giugno 2022: Dimmi come stai, ancora per Cicorivolta Edizioni

Dimmi_come_stai_cover

(qui una recensione da parte di Crunched: Dimmi come stai | Irene Marchi (crunched.it), equi il link diretto per chi fosse interessato a ordinarlo https://www.cicorivoltaedizioni.com/cicorivoltaedizioni_Dimmi_come_stai.htm)

***

Era proprio necessario un altro blog di poesia?

Probabilmente no, ma per me è comunque di grande aiuto la ricerca che mi porta poi a proporre questa o quella poesia, con tutte le domande che quei testi mi fanno sorgere. Per le risposte… continuo a cercare! Spero che questa ricerca possa essere utile in qualche modo anche a qualcun altro.

P.S. Qualche volta vado  Fuori tema e non propongo poesie ma testi narrativi.

Sei il benvenut* in questo spazio dedicato alla poesia!

  • Puoi trovare Lapoesianonsimangia anche su Instagram e su Facebook; per comunicazioni puoi scrivere qui (questo spazio è comunque un blog personale, non è una rivista e non c’è una redazione – sono solo io -perciò non pubblico su proposta o richiesta, ma  solo quello che mi colpisce  leggendo in modo casuale  pubblicazioni su carta o nel web).