Non esiste. Eppure…

sirene

C’è sempre qualcosa a cui vogliamo credere,
anche se siamo quasi certi che non esista.

Sirena

Sono con­vinto che tu non esista
e tut­ta­via ogni notte ti ascolto

t’invento a volte con la vanità
con la deso­la­zione o la pigrizia

dall’infinito mare arriva il tuo stupore
l’ascolto come un salmo e ciò malgrado

son così certo che tu non esista
che ti aspetto nel sogno per domani

 

Sirena

Tengo la convicción de que no existes
y sin embargo te oigo cada noche

te invento a veces con mi vanidad
o mi desolación o mi modorra

del infinito mar viene tu asombro
lo escucho como un salmo y pese a todo

tan convencido estoy de que no existes
que te aguardo en mi sueño para luego. 

Mario Bene­detti (Mario Orlando Hamlet Hardy Brenno Benedetti-Farugia, Paso de los Toros, 1920 – Montevideo, 2009), testo e traduzione dal web

*ascoltando Sinead O’Connor – Song To The Siren (Tim Buckley) https://www.youtube.com/watch?v=88wL8oRf45U

(ancora sirene, qui: https://lapoesianonsimangia.myblog.it/2016/03/12/le-sirene-cantano/)