Perplessità (con Saturno eternamente contro)

Com’è che quando capita di leggere l’oroscopo del mese passato ci ritroviamo soltanto nei rallentamenti e nei momenti di stanchezza  e mai nelle svolte risolutive? Misteri cosmici…

***

Marte e Saturno perché mi colpite
continuamente in questa settimana?
Come resistere alle vostre unite
istanze al vostro diurno
propormi di seguirvi non so dove
nel segno di una angoscia cupa e strana
fino a quando non intervenga Giove
lui cordiale gioviale conciliante
e Venere svestita ultramondana
dea vagante.

Gabriella Leto, da Aria alle stanze, Einaudi, 2003

°ascoltando Gustav Holst –The Planets, Op. 32: II. Venus, the Bringer of Peacehttps://www.youtube.com/watch?v=x6wOmGpXLY4

Fuori (dal dover essere)

 

…per essere. Soltanto essere.

***

Preghiera

 

l’uscita  dimmi dov’è dal  brutto 
sognare di ogni notte dal troppo
pensare del giorno se puoi dimmi 
l’uscita da questa grande bugia
– perché no, un senso sempre non c’è –
dallo schema dai programmi dal gioco
delle parti l’uscita dimmela 
dai telefoni dai pixel dal falso
buonismo e dal cinismo vero

l’uscita io ti chiedo dal circo
di tutti i nostri dover essere

©IreneMarchi2022

 

°ascoltando Bert Jansch – It don’t bother me – https://www.youtube.com/watch?v=4rRLj-AXq_w

“Quando siete felici, fateci caso” (cit.)

Un piccolo incidente

solo un attimo di distrazione
e mi ritrovo col muso dell’auto
distrutto – mentre sta per succedere
te ne accorgi, ma ormai è troppo
tardi – poi scendo: stiamo tutti bene
respiro sono felice. In futuro
vorrei imparare la felicità
anche senza dannate distrazioni

©irenemarchi – 3/09/2022

°ascoltando  Joe Satriani – Crushing Dayhttps://www.youtube.com/watch?v=eFRhmKuD9x8

Istinti di sopravvivenza

Speriamo non vengano mai a mancare questi “tremendi slanci verso il sole“!

***

 

Camminando nel bosco

È stato allora che ho visto un vecchio acero
un paio delle sue spesse braccia spezzate
un braccio reclinato mezzo marcio
nel terreno     nero della deliziosa
ospitalità del marciume verso
le più piccole creature

l’albero non stava davvero morendo     viveva
meno ampiamente     a testa alta e verde
sopra il folto fogliame degli altri
alberi     un tremendo slancio verso il sole
solo per sopravvivere     ma se ti è
piaciuta la vita     lo fai

Grace Paley, da Volevo scrivere una poesia, invece ho fatto una torta, Edizioni SUR, 2022, traduzione di Paolo Cognetti e Isabella Zani

 

°ascoltando  Sparklehorse – Sad & Beautiful Worldhttps://www.youtube.com/watch?v=C7rOKhmnw44

N di nonmuoremaichivienericordato

“(…) Muoiono veramente quelli solo
che vai dimenticando (…)”
***

Non dire mai che è morto, non dire
era, faceva. Le tristi parole
non servono che a farlo sprofondare
ancora di più nella terra.
Muoiono veramente quelli solo
che vai dimenticando: a poco a poco
tace la voce che t’innamorò.
Scende sul viso un logorio sfinito
di cenere e penombre. Quella è morte.
Quella è morte davvero e senza alcuna
speranza.

Daria Menicanti (Piacenza, 1914-1995), da Il concerto del grillo – L’opera poetica completa con tutte le poesie inedite, Misesis Edizioni, 2013

°ascoltando Thom Yorke-True Love Waits https://www.youtube.com/watch?v=FbeXo4IJZw4

Siamo sicuri che…

salite

… dopo la salita c’è la discesa?

 

Punto di vi(s)ta

se mi avessero detto i giorni,
quanti ne avrei spesi a cercare
quello che non ho trovato mai, forse
sarei scesa prima ma dove sono
ora mi sorprendono i tramonti
che scivolano tra gli alberi e
ancora il suono delle nuvole
nel vento. Se mi avessero detto
quanta salita nascondeva la strada
forse non sarei  qui avanzando a zig zag
stanca come prima di morire
però che vi(s)ta da quassù…

©IreneMarchi2022

°ascoltando Long Distance Calling – “Ascending” –https://www.youtube.com/watch?v=PU7WE1XejEk

Cadendo

 (e cercando di non farsi troppo male)

***

Si deve cadere e non si può scegliere dove.
Ma c’è una forma del vento nei capelli,
una pausa del colpo,
un certo angolo del braccio
che possiamo piegare mentre cadiamo.

È soltanto l’estremo di un segno,
la punta impreveduta di un pensiero.
Ma basta ad evitare il fondo avaro di alcune mani
e la miseria azzurra di un Dio deserto.

Si tratta di piegare un po’ di più una virgola
in un testo che non possiamo correggere.

Roberto Juarroz (Argentina, 1925-1995), da Poesia verticale, traduzione di Stefano Bernardinelli, in “Poesia” n. 288 Dicembre 2013, Crocetti ed.

°ascoltando Ben Harper – Joshua Treehttps://www.youtube.com/watch?v=CiqsQrjm5og

Una sfumatura di assertività, per favore

svapo

Assertività: la capacità di esprimere in modo chiaro ed efficace le proprie emozioni e opinioni, senza prevaricare né essere prevaricati.
(Esiste un shampoo che regali sfumature di assertività?)

***

 Assertività sfumata

Ti senti innaturale anche tu
appena uscita dal parrucchiere
mentre spettini quella testa nuova?
Che poi di ben nuovo non c’è nulla
sei sempre tu, la te stessa di prima,
oltre quello svaporio più brillante

e infatti ancora una volta
hai risposto sì, sì
– ma volevi dire no
quando ti hanno chiesto sorridendo
allora, ti piacciono così?

Irene Marchi, da Dimmi come stai, Cicorivolta Editore, 2022

°ascoltando  Francesco De Gregori – Belli capelli https://www.youtube.com/watch?v=glU2qVudGRI

 

Il posto giusto

Esiste il posto giusto?
O dipende tutto da noi: se siamo in pace con noi stessi, ogni posto è quello giusto?

***

Dove

non ho mai trovato il dove
in cui non sentirmi fango
nemmeno ho mai intravisto
il senso – giusto, se il giusto esiste –
del mio muovermi tra la gente.
Verrà qualcuno a dirci dove
pensavo – immaginavo un cancello
ai confini di ogni età –
invece sono ancora qui e ti chiedo:
tu l’hai trovato un dove
che ti stia saldo attorno
come la montagna con i suoi alberi?
Tu le senti, le radici, respirare
dentro al sangue?

Irene Marchi, da Dimmi come stai, Cicorivolta Editore, 2022

°ascoltando  Pat Metheny – A Map of the World – https://www.youtube.com/watch?v=byvV4uWNNkg

La ricerca

(cercando pezzetti di luce)

***

Venire al mondo

 
c’è luce, all’alba
– è materia incerta
eco chiaro del bianco
e azzurro che calma –
poi cadiamo nel mondo
e cominciamo
a sfoltire il buio

venire al mondo
è l’infinita ricerca dei nostri pezzi
                                            di luce
 
Irene Marchi, da  Dimmi come stai, Cicorivolta Editore, 2022

°ascoltando Spiritualized – Shine a Light https://www.youtube.com/watch?v=mY8SyTsgSko