Il posto giusto

cielo1_modificato-2cielo0cielo5cielocielo

Almeno il cielo è di tutti e per tutti. E non ha porte: guarda il cielo domani a una certa ora e sicuramente ci sarà qualcun altro che lo starà guardando in quello stesso istante. (A che serve pensare a questo? Ognuno trovi la sua risposta).

I cieli sono uguali

I cieli sono uguali.
Azzurri, grigi, neri,
si ripetono sopra
l’arancio o la pietra:
guardarli ci avvicina.
Annullano le stelle,
tanto sono lontane
le distanze del mondo.
Se noi vogliamo unirci,
non guardare mai avanti:
tutto pieno di abissi,
di date e di leghe.
Abbandonati e galleggia
sopra il mare o sull’erba,
immobile, il viso al cielo.
Ti sentirai calare
lenta, verso l’alto,
nella vita dell’aria.
E ci incontreremo
oltre le differenze
invincibili, sabbie,
rocce, anni, ormai soli,
nuotatori celesti,
naufraghi dei cieli.

Los cielos son iguales

Los cielos son iguales.
Azules, grises, negros,
se repiten encima
del naranjo o la piedra:
nos acerca mirarlos.
Las estrellas suprimen,
de lejanas que son,
las distancias del mundo.
Si queremos juntarnos,
nunca mires delante:
todo lleno de abismos,
de fechas y de leguas.
Déjate bien flotar
sobre el mar o la hierba,
inmóvil, cara al cielo.
Te sentirás hundir
despacio, hacia lo alto,
en la vida del aire.
Y nos encontraremos
sobre las diferencias
invencibles, arenas,
rocas, años, ya solos,
nadadores celestes,
náufragos de los cielos.

Pedro Salinas, da La voz a ti debida, 1933

*ascoltando The Great Gig In The Sky – Pink Floyd
https://www.youtube.com/watch?v=iw8wlede_fk
e Home In The Sky  – Cat Stevens
https://www.youtube.com/watch?v=qZw_IIxwIno

Il posto giustoultima modifica: 2017-10-29T22:41:22+00:00da irenesettanta
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento