Solitudini cosmiche

spaziojpgSiamo tutti dei pianeti solitari? Cosmiche solitudini che talvolta si incontrano (il problema poi è capirsi).

 

Solitudine di due miliardi di anni luce

Sul piccolo globo esseri umani
dormono si alzano, lavorano
talvolta desiderano avere dei compagni su Marte.

I marziani sul loro piccolo globo
non so cosa fanno
(forse dormicchiano, si alzicchiano, lavoricchiano?).

Talvolta desiderano avere dei compagni sulla Terra.
Questo è assolutamente sicuro.

Gravitazione universale vuol dire
forza d’attrazione della reciproca solitudine.

Il cosmo è deformato
quindi tutti desiderano cercarsi.

L’universo si espande sempre di più
perciò tutti sono incerti.

Alla solitudine di due miliardi di anni luce
inconsciamente ho fatto uno starnuto.

Shuntaro Tanikawa (Tokyo, 1931)

 

*ascoltando The Beatles – Across The Universe https://www.youtube.com/watch?v=R_ApBrVJD48

Cose dal mondo (5): vecchie foto da Firenze

 Firenze

Città ferma nel tempo lontano

Città ferma nel tempo lontano
ocra castano verde scuro
porte a volta finestre ortogonali –
mi fermai sul ponte con le oreficerie
guardai il fiume – non scorreva
solo le statue traslocavano nel pomeriggio
portando in spalla i loro piedistalli
fino ai profondi dormitori degli amanti nudi.

Firenze, 31.V.1976

Ghiannis Ritsos, da Trittico italiano. Nove poesie, Crocetti, 1982, traduzione di Nicola Crocetti

*ascoltando Firenze canzone triste – Ivan Graziani https://www.youtube.com/watch?v=AK34IDIlACg

chiostro di S.Lorenzo_modificato-1

Il filo dell’aquilone

aquilone

Ma i fili della memoria si potranno mai rompere del tutto?

Aquilone

Il ricordo
è un aquilone.
A poco a poco si allontana,
goditi il suo volo.
Più in alto
si rompe il filo della tua memoria
e ti siedi a contemplare come lo possiede la distanza.

Briceida Cuevas Cob (nata nel 1969 a Tepakán, un villaggio maya dello Stato di Campeche, in Messico) da Las lenguas de América. Recital de poesía, UNAM, 2005 – a cura di Carlos Montemayor  (testo e traduzione dal web https://cantosirene.blogspot.it/)

* ascoltando Avishai Cohen Trio – Remembering
https://www.youtube.com/watch?v=E4kc0Aby2vA

Dov’è l’inferno?

hell

L’inferno non è forse dove non c’è mai la pace?

 

Un ricordo prezioso

Forse
solo la sabbia
ha tra la sua ruvida materia
̶  nel profondo affiorare del mare  ̶
il ricordo di un mondo
senza una guerra
lontano quanto il sole,

un mondo
senza lʼuomo.

©IreneMarchi 2014

 

*ascoltando  Bruce Springsteen – Devils & Dust
https://www.youtube.com/watch?v=cG8ZQkeZvzc

Troppe domande

tulipani

Chiedersi quanto durerà un amore non è un po’ in contraddizione con l’amore stesso?

Tulipani

Di tulipani un giardino sognavo
mesi fa. Li piantai, e in attesa vegliavo.
Vidi i germogli, e il verde che piano cedeva ai colori.
Tutto, ma proprio tutto, come nei miei desideri.

Mi domando ogni giorno quanto potran durare.
Li guardo triste, i miei bei tulipani.
Il timore di perderli mi fa desiderare
che appassiscano presto – già domani.

Wendy Cope, da Guarire dall’amore, Crocetti, 2011, traduzione di Silvio Raffo

 

Nella magnifica mattina di domenica
(il viale con i tulipani rossi
e una luce di Hopper sulle facciate),
un ragazzo, appoggiato all’angolo
di una casa con un ciliegio fiorito,
sta aspettando qualcuno
con un mazzo di fiori gialli.
Un nuovo amore che nasce così presto
e di domenica dovrebbe godere
di una luce avanzata e di una lunga vita
e non morire insieme a quei fiori.

Hilario Barrero,  da Libro de familia, 2011 (fonte https://cantosirene.blogspot.it/2014/08/un-nuovo-amore-che-nasce.html )

*ascoltando Fabrizio De André – La canzone dell’amore perduto https://www.youtube.com/watch?v=1NXzQmgIqZ4

Cose da dire

cose da dire

Forse è sempre meglio dire quello che sentiamo di dover dire

(anche a costo di dirsi le cose nello stesso momento!).

Sai

Sai
hai detto
mai
sono stato felice come questa notte.
Mai. E me lo hai detto
nello stesso momento
in cui ho deciso di non dirti
sai
forse mi sbaglio
ma credo
ma questa mi pare
la notte più bella della mia vita.

Idea Vilariño (Montevideo, 1920 -2009) da Poesias de amor, in Poesia completa, 2008

*ascoltando Van Morrison – Have I Told You Lately that I Love You https://www.youtube.com/watch?v=UFF1wJN75Z0

(Sullo stesso argomento https://lapoesianonsimangia.myblog.it/2016/01/22/le-parole-le-carezze/)

“Il resto è per i pazzi”

"Man and Woman”, scultura mobile d’acciaio realizzata dall’artista georgiana Tamara Kvesitadze. Installata sulla costa di Batumi, in Georgia.

“Man and Woman”, scultura mobile d’acciaio realizzata dall’artista georgiana Tamara Kvesitadze. Installata sulla costa di Batumi, in Georgia.

Inutile parlare, presupporre o ragionare d’amore. La semplicità dei fatti a volte stupisce.

È tutto così semplice, sì, era così semplice,
è tale l’evidenza che quasi non ci credo.
A questo serve il corpo: mi tocchi o non mi tocchi,
mi abbracci o mi allontani. Il resto è per i pazzi.

 
Patrizia Cavalli, da Pigre divinità e pigra sorte (2006)

 

 

Per riposarmi
mi pettino i capelli,
chi ha fatto ha fatto
e chi non ha fatto farà.

Dietro la bottiglia
i baffi della gatta,
le referenze
le darò domani.

Ora mi specchio
e mi metto il cappello,
aspetto visite aspetto
il suono del campanello.

Occhi bruni belli e addormentati…

Ma d’amore
non voglio parlare,
l’amore lo voglio
solamente fare.

Patrizia Cavalli, da  Le mie poesie non cambieranno il mondo, 1974

*ascoltando  Ben E. King – Stand by Me
https://www.youtube.com/watch?v=esKuC6iXhvs

Ci sarà un’altra domenica mattina

domenica mattina

Riprova

Le mattine di domenica,
d’inverno,
alle prime ore:

le strade lavate da poco,
l’aria fresca,
limpida,
l’odore delle brioches dai caffè,
la follia
degli uccelli…

Come se la vita
ti dicesse:

guarda, sono qui,
riprova.

Karmelo C. Iribarren (San Sebastián 1959)

Io la vedo proprio come Iribarren… beh, forse  con una punta di pessimismo in più:

Pulsa
 
Pulsa negli occhi
di chi mai raccoglie  qualcosa di facile
la luce della domenica mattina:
tutto può essere

e poi arriva sera.

Irene Marchi, da Fiori, mine e alcune domande, Sillabe di Sale editore, 2015

 

*ascoltando Angelo Branduardi – Si può fare https://www.youtube.com/watch?v=RY_yGsDTHb8

Due bugie

sempre mai

 

Del “Sempre” e del “Mai”

È strano che non si sia trovata
in tutto il mondo alcuna lingua
che non li contempli nel suo vocabolario,
che abbia capito che non esistono,
che abbia capito che sono dei raggiri.

Kostas Mondis, da “Poesia”, n. 307, Settembre 2015, pag. 17, traduzione di Filippomaria Pontani

*ascoltando  Yann Tiersen – I Saw Daddy Today https://www.youtube.com/watch?v=kN3FBR7yL6Q

Cose dal mondo (4): un Valzer a Vienna

vienna

Una poesia che diventa (anche) una canzone (in  questo caso Leonard Cohen trasporta  -meravigliosamente- in musica una poesia di Federico Garcia Lorca).

(Altri casi di poesie che hanno ispirato canzoni, qui https://lapoesianonsimangia.myblog.it/2016/06/23/note-poesia/)

Piccolo Valzer Viennese (Pequeño Vals Vienés)

A Vienna ci sono dieci ragazze,
una spalla dove piange la morte
e un bosco di colombe disseccate.
C’è un frammento del mattino
nel museo della brina.
C’è un salone con mille vetrate.

Ahi! Ahi! Ahi! Ahi!
Prendi questo valzer con la bocca chiusa.
Questo valzer, questo valzer, questo valzer,
di sì, di morte e di cognac
che si bagna la coda nel mare.

Io ti amo, io ti amo, io ti amo
con la poltrona e con il libro morto,
nel malinconico corridoio,
nell’oscura soffitta del giglio,
nel nostro letto della luna,
nella danza che sogna la tartaruga.

Ahi! Ahi! Ahi! Ahi!
Prendi questo valzer dalla spezzata cintura.
A Vienna ci sono quattro specchi,
vi giocano la tua bocca e gli echi.
C’è una morte per pianoforte
che tinge d’azzurro i giovanotti.
Ci sono mendichi sui terrazzi. E
fresche ghirlande di pianto.

Ahi! Ahi! Ahi! Ahi!
Prendi questo valzer che spira fra le mie braccia.
Perchè io ti amo, ti amo, amore mio,
nella soffitta dove giocano i bambini,
sognando vecchie luci d’Ungheria
nel mormorio di una sera mite,
vedendo agnelli e gigli di neve
nell’oscuro silenzio delle tue tempie.

Ahi! Ahi! Ahi! Ahi!
Prendi questo valzer del “Ti amo per sempre”.
A Vienna ballerò con te
con un costume che abbia la testa di fiume.
Guarda queste mie rive di giacinti!
Lascerò la mia bocca tra le tue gambe,
la mia anima in foto e fiordalisi,
e nelle onde oscure del tuo passo io voglio,
amore mio, amore mio, lasciare,
violino e sepolcro, i nastri del valzer.

Fedreico Garcia Lorca (1898-1936), da Fuga da New York, nona sezione di Un poeta a New York

*ascoltando Leonard Cohen – Take this Waltz https://www.youtube.com/watch?v=ytdjYjM-cLg (anche nella versione in castigliano: Sílvia Pérez Cruz y Raúl Fernández – Pequeño Vals Vienés
 https://www.youtube.com/watch?time_continue=5&v=vx5CW0Vyvi8 )

vienna2