Se tu fossi un libro

Illustrazione tratta da Se io fossi un libro, di José Jeoge Leteria e André Leteria, Salani Editore, 2023

Illustrazione tratta da Se io fossi un librodi José Jeoge Leteria (testo) e André Leteria (illustrazioni), Salani Editore, 2023.

Se tu fossi un libro
che tipo di libro saresti?

***

 

se io fossi un libro
silenziosa tra le pagine vorrei una rosa
e ci faremmo compagnia
contenti di avere un senso:
il senso di qualcosa da non perdere
il senso di un ricordo da non far morire

©irene.marchi.2024

 

°ascoltando Saint Etienne – Lost In The Library  https://www.youtube.com/watch?v=1FgSXsrb0io&t=14s

(Non lo so)

Mi sento sempre più ridicola a proporre ancora parole, quando tutto, intorno a noi, si sta sgretolando: in mare, bambini, donne,  uomini continuano a morire cercando una nuova vita; piovono bombe da una terra all’altra, su ospedali,  su civili, su volontari; si incita alla pace vendendo armi a questo o a quel governo;  i basilari diritti umani e civili  possono essere cancellati come disegni su una lavagna…

Quindi, a che cosa servono le parole? Non lo so, forse soltanto a non smettere di pensare. Ma non lo so…

***

 

e c’hai ragione

caro mare e tu mi dirai: “Guarda
la meraviglia di nuvole lente
che si specchiano nel mio infinito
movimento, e poi tocca la sabbia
che porta l’eco d’ogni singola
stella, sentilo il sale che resta
sulle mani”. Urlerai, caro mare,
tu urlerai: “Che razza di idioti,
che cosa direte a ogni figlio:
un giorno saranno tue,
tutte queste bombe?”
Caro mare… e c’hai ragione

Irene Marchi, da Mancano le indicazioni,  Officine Editoriali, 2023

°ascoltando The Cranberries – Zombie https://www.youtube.com/watch?v=6Ejga4kJUts

Nulla ci ha unito, eccetto…

blog di poesia prato verde

Questo è ciò che potremmo esclamare incontrando (con una bella macchina del tempo) un abitante della Terra del 1750; chissà invece se  potremmo dirlo anche incontrando (sempre con la nostra efficiente macchina del tempo) un abitante della Terra del 2150: ci saranno ancora primule, convolvoli e prati verdi?

***

 

Nulla fra noi c’è stato!
Non confidenze, nessuna promessa,
nulla l’un l’altro ha unito,
se non i traditori
sogni di primavera;

tranne bagliori, colori
e aleggianti profumi
tranne dei boschi il canoro
fruscìo e il verde dei prati;

tranne torrenti e cascate
che irroravano i fossati
tranne nubi e arcobaleni
e la natura incantata;

tranne le limpide fonti
a cui bevevano i nostri
cuori inebriati, tranne
le primule e i convolvoli
nulla tra di noi c’è stato!

Adam Asnyk (Kalisz, 1838 – Cracovia, 1897), da Poesie, Cracovia, 1984, traduzione di Valeria Rossella, in “Poesia”, n. 24, marzo-aprile 2024

°ascoltando Ezio Bosso- Clouds, The mind on the (Re)Windhttps://www.youtube.com/watch?v=pEB_3cxzKv8

Psicologo-guaritore a domicilio

Ogni tanto taglio l’erba del mio piccolo giardino.
Prima però raccolgo tutti i fiori che trovo e li porto in casa:
è la mia terapia primaverilestiva contro
pensieri negativi/rimuginio/preoccupazioni /dolori sparsi/ mancanze e altri disastri.
Non risolve ogni cosa, ma è di grande aiuto.

***

Lo spirito dei fiori
mi allena sulle punte dei piedi
ruota il mio corpo
come un pane da infarinare
di polline volante.
Credo di danzare
ma è la Verde Maestà che mi solleva
dalla terra del pensiero, lo miete
poi mi posa al suolo tra il fango
dei castagni e le zanzare appuntite.
C’è la luna indiana
con la sua lepre addormentata
nei crateri e le parole nette:
qui si sogna
per udire i sottili Maestri.

Chandra Candiani, da Estate, in Pane del bosco. 2020-2023, Einaudi, 2023

°ascoltando Buffy Sainte-Marie – Poppies – https://www.youtube.com/watch?v=1fgEgcf5Qzg&t=5s

Escape Room

uscita di emergenza blog di poesia

Tu da che cosa fuggi (se fuggi)?

 

non lo so dove

fuggo
dalle telefonate – ormai sono abile –
che promettono risparmi in bolletta
dai dispensatori di ogni occasione
dai saldi senza stagione
e da chi si risparmia fuggo
dagli ospedali che mi riportano
i giorni contati di mio padre
dal salone di una casa di riposo
 – continuo a fuggire –
dalla realtà smagliata e senza grazia
dalla paura e dalla voglia
di non esserci domani
 
io fuggo, sì, ma non lo so,
non lo so. Non lo so dove andare

Irene Marchi, da Mancano le indicazioni, Officine Editoriali, 2023

°ascoltando Dream Theater – Stream of Consciousness – https://www.youtube.com/watch?v=nJE9-TjYArs

Curriculum aggiornato

Dorothea Lange - blog di poesia

Professione: una persona
Anni di esperienza: dalla nascita ad oggi
Obiettivi a breve termine: vivere

***

 

Curriculum vitæ

Non sono né pietra né nuvola
né campana e neppure liuto
percosso da angelo o demone
Fin dall’inizio non sono stato che un uomo
e non voglio essere altro

Sono cresciuto come uomo
ho subìto il torto
talvolta ho fatto il torto
e talvolta il bene

Come uomo mi indigno
per l’ingiustizia e mi rallegro
per ogni barlume di speranza
Come uomo sono desto e stanco
e lavoro e ho apprensioni
e sete di comprendere
e d’essere compreso

Come uomo provo piacere per i miei amici
e provo piacere per la donna e i figli e i nipoti
e temo per loro e ho nostalgia della sicurezza
e voglio stare con gli uomini e talvolta solo
e compiango ogni notte trascorsa senza amore

Come uomo sono malato e vecchio
e morirò
e non sarò né pietra
né nuvola né campana
ma terra o cenere
ma questo non importa

Erich Fried (Vienna, 1921-1988), in Dimmi un verso anima mia – Antologia della poesia universale, traduzione di Gio Batta Bucciol, Crocetti editore, 2023

°ascoltando JFDR – My Workhttps://www.youtube.com/watch?v=pnyrC6sO07g
 

 

 

 

Infinite sfumature di buio

oscurità blog di poesia

Leggere i quotidiani ormai è diventato un incubo: la realtà è terrificante.

Buio pesto.

***

In questa oscurità

 

Nessun dolore si arresta ascoltando
nessuna ferita guardando
nessun incidente leggendo
c’è chi si rallegra del dolore altrui
chi si rattrista della felicità altrui
e alcuni dormono anche da svegli
nel tumulto del proprio animo.

Il cielo guarda
la terra ascolta tutto
il tempo scrive la storia.

Perché siamo diventati impassibili cantando un canto di pietà?
Perché accettiamo che si faccia la guerra sventolando bandiere di pace?
Perché facciamo distruggere le foreste decantando gli spazi verdi?
Perché ci siamo messi a uccidere baciando l’amore?
Perché abbiamo indossato maschere?
Accampiamo scuse alla vita
la avveleniamo,
pur sapendolo, possiamo salvarci
in questa oscurità da una fine certa?

Mohan Rana (Delhi, 1964), traduzione di André Naffs- Sahely, in  Dimmi un verso anima mia – Antologia della poesia universale, Crocetti Editore, 2023

 

°ascoltando System of a Down – Protect the Land – https://www.youtube.com/watch?v=f_7V4SQzY4g

Ma infatti…

1cent blog di poesia

“Sì, l’avevo intuito”,

risponderei qualora mi trovassi in una situazione simile
(già piuttosto familiare, comunque).

***

La visita

Quando levai gli occhi dal foglio bianco
l’angelo si trovava nella stanza.

Era un angelo comunissimo,
probabilmente del più basso rango.

Non può neanche immaginare, disse,
quanto poco indispensabile sia Lei.
Una sola delle quindicimila sfumature
dell’azzurro, continuò,

importa al mondo più di tutto
quel che Lei faccia o non faccia,

per non parlare del feldspato e
della grande nube di Magellano.

Perfino la semplice e modesta piantaggine
d’acqua produrrebbe una lacuna, non Lei.

Lessi negli occhi chiari la speranza
di un’obiezione, di una lunga lotta.

Rimasi impassibile. Attesi
che se ne andasse, senza dir parola.

Hans Magnus Enzensberger (Kaufbeuren, Germania, 1929-2022), traduzione di Gio Batta Bucciol, in Dimmi un verso anima mia – Antologia della poesia universale, Crocetti Editore, 2023, p. 1017

°ascoltando Richard Dawson – Nothing Important https://www.youtube.com/watch?v=xSgFCUVocHo&list=PLEoqDTd25_P3gJDtmvjcuoM9SuKJu813u&index=2

 

Meglio rallentare

A che velocità stai viaggiando?

***

 

Non ho avuto il tempo

non ho neppure avuto il tempo
di salutare le mie vecchie paure
che già le nuove fanno e disfano,
giostra feroce tutto gira e gira
il mondo non smette d’impazzire
non smette il mondo di scherzare
col fuoco del male. Non ho avuto
il tempo di salutare – feroce   
giostra – una persona sulla strada:
mi salutava con la mano. Chi era?

Irene Marchi, da Mancano le indicazioni, Officine Editoriali, 2023

°ascoltando Crosby Stills & Nash – Wasted On The Way – https://www.youtube.com/watch?v=nWlEsta4xS8

Trottolinodududu?

 

Anafora blog di poesia

Sono molte le persone che chiamano
chi amano con nomignoli inventati,
proprio come viene spiegato qui:

«Anafora»

Chiamo chi amo
con nome inventato
anziché anagrafico.
Codice segreto
tenuto stretto
per rendere mio
quel rapporto.

Jhumpa Lahiri, da Accezioni, in Il quaderno di Nerina, Guanda, 2021

°ascoltando Fabrizio De André – Bocca di rosa –  https://www.youtube.com/watch?v=JrFjFOjxYyA