Basta previsioni

Pioverà?

Lascia piovere.

 

Pioverà?

sono stanca
di aggiustare ombrelli coprirmi
i capelli ragionare i passi
per salvare due scarpe e correre
volendo invece andare piano
sono stanca di scrutare il cielo
limando movimenti e pensieri
sono stanca
sai che ti dico? se domani piove
farò finta di essere un fiore

Irene Marchi, da Dimmi come stai, Cicorivolta, 2022

°ascoltando B.J. Thomas –  Raindrops Keep Falling on my Head

Divieto di affissione

divieto di affissione

Solo vuoto. Grazie.

Divieto di affissione

Divieto di affissione,
queste tre parole voglio tatuarmi
sul polso così da essere, oggi,
inattaccabile da giustissime
e sagge decisioni o da nuovi
pensieri illuminati. Ci sono
momenti in cui Lasciarsi Vivere
è l’unico evento e luogo
in cui è possibile ritrovarsi.

Irene Marchi, da Dimmi come stai, Cicorivolta, 2022

°ascoltando Andy McKee – For Now https://www.youtube.com/watch?v=ZlKvpQF-3uQ

Leggere attentamente (le avvertenze)

Qual è l’ultimo libro “un po’ bugiardo” che hai letto?

***

Avvertenze

Tra le pagine dell’ultimo libro
che ho letto, vagava l’idea
birbante e ottimista che sempre
ogni cosa sia legata al filo
rosso del proprio senso. Certi libri
son pericolosi, ché poi magari
qualcuno ci crede. Sulla fascetta
dovrebbero avvertire: vietato
ai sensibili alle illusioni.

Irene Marchi, da  Dimmi come stai, Cicorivolta Editore, 2022

 

° ascoltando  Johnny Winter – You Lie Too Muchhttps://www.youtube.com/watch?v=lx4ZtZdq_c0

Una sfumatura di assertività, per favore

svapo

Assertività: la capacità di esprimere in modo chiaro ed efficace le proprie emozioni e opinioni, senza prevaricare né essere prevaricati.
(Esiste un shampoo che regali sfumature di assertività?)

***

 Assertività sfumata

Ti senti innaturale anche tu
appena uscita dal parrucchiere
mentre spettini quella testa nuova?
Che poi di ben nuovo non c’è nulla
sei sempre tu, la te stessa di prima,
oltre quello svaporio più brillante

e infatti ancora una volta
hai risposto sì, sì
– ma volevi dire no
quando ti hanno chiesto sorridendo
allora, ti piacciono così?

Irene Marchi, da Dimmi come stai, Cicorivolta Editore, 2022

°ascoltando  Francesco De Gregori – Belli capelli https://www.youtube.com/watch?v=glU2qVudGRI

 

Dimmi come stai (ti ascolto)

Come stai?
È una domanda che dovremmo fare anche a noi stessi, qualche volta. E non correre via col pensiero per evitare la risposta.

Voglio riproporre questa poesia per ringraziare, davvero di cuore, Antonio Stangherlin per la realizzazione di questo video. Grazie!

Niente paura!

let's dance

(a modo tuo, continua a ballare)

 

Rassicurazione

avere la testa tra le nuvole
mi ha salvato tante, tante volte
dal cadere male nella realtà
mi ha insegnato a respirare,
a parlare e ora riconosco
chi ha fili leggeri di nuvola
tra i capelli. A chi riderella
o ci dà per spacciati dico – seria –
su, state tranquilli, a modo nostro
sappiamo camminare sulla terra
perché siamo in mezzo alla nebbia, sì,
ma ci vediamo benissimo

Irene Marchi, da Dimmi come stai, Cicorivolta Editore, 2022

°ascoltando    Canzoniere Grecanico Salentino – Nu te fermarehttps://www.youtube.com/watch?v=E-IfNJyxA8w

Dimmi come stai

Come rispondi, di solito, a questa domanda?
E quando sei tu a farla, sai leggere tra le righe (molto spesso) sfumate di una risposta?

 

Dimmi come stai

dimmi come stai,
nelle giunture dei pensieri
nelle ossa della memoria
e nel respiro di un giorno
dopo un giorno e ancora

dimmi come stai
nel tempo che è della sera
mentre di nuovo ti domandi
quando comincia la tua vita
                          quella vera

Irene Marchi (Firenze, 1970), da Dimmi come stai, Cicorivolta Editore, 2022 (link)

P.S. Riporto qui l’introduzione alla raccolta:

“Il titolo della raccolta è quella domanda-non domanda alla quale di solito rispondiamo con un evasivo tutto bene; ma non sempre ci sentiamo veramente rappresentati da questa risposta. E se anche accompagniamo con un sorriso il nostro tutto bene, troppe volte nascondiamo abilmente (anche a noi stessi) delusioni, dubbi, risentimenti e paure. Dimmi come stai è perciò un invito a riconoscere (per provare a cambiare) anche quello che tutto bene non va. Perché non siamo soli nel nostro essere umani, quindi fallibili e fragili, mentre ci muoviamo sull’altalena di alti e bassi che è la vita. E perché, spesso, parlare anche delle nostre emozioni meno positive e solari potrebbe rivelarsi di grande aiuto (anziché fingere di essere sempre imperturbabili e sicuri). Tra le righe di questa raccolta sono presenti, quindi, molte domande, qualche risposta e alcune strategie di sopravvivenza, scambiate con un tu che a volte è vicino, altre lontanissimo, a volte tangibile e altre immaginario. Ho provato a creare un percorso senza troppe barriere (anche per questo ho preferito non chiudere le poesie con il punto fisso né cominciarle con una maiuscola), una sorta di dialogo continuo e schietto tra chi domanda e chi potrebbe rispondere, tra chi scrive e chi leggerà.

E allora, tu, se vuoi, dimmi come stai… ”

° ascoltando Giovanni Allevi – Pensieri nascosti https://www.youtube.com/watch?v=lmSbiUswfDw

Avvertimento

futuroQuello che è stato è stato, “scurdámmoce ‘o ppassato“. E va bene.
Ma almeno al futuro due paroline le voglio scrivere.

Lettera al futuro

A te,
che già adesso
– mentre vado a capo –
non sei più futuro
a te,
che ci imbrogli tutti
illuminandoci gli sguardi
mentre di nuovo cade
la notte
a te,
caro tempo che verrai,
se io non dovessi esserci
almeno dai l’acqua alle piante
lì, sul balcone, e una carezza
a chi gli serve.
Se invece
dovessi esserci anch’io,

sappi che ti romperò l’anima.

Irene Marchi, da Dimmi come stai, Cicorivolta Editore, 2022

* ascoltando John Frusciante – Before The Beginning  https://www.youtube.com/watch?v=J76MeYAGaH8

La traccia nascosta

ghost-300x225

(Non togliere il disco: c’è ancora musica)

 

Tracce nascoste

aspetta
ascolta bene,
siamo come un vinile
sembriamo finiti – senza più voce –
e invece siamo solcati, tutti,
da una traccia nascosta – profonda –

servono solo pazienza e voglia
di aspettarci
di ascoltarci
fino in fondo al nostro silenzio

perciò ora non togliere quel disco

 

Irene Marchi (Firenze, 1970), da Dimmi come stai, Cicorivolta Edizioni, 2022 (uscito in questi giorni https://www.cicorivoltaedizioni.com/cicorivoltaedizioni_Dimmi_come_stai.htm?fbclid=IwAR3dskM6uhn90PuF0m6ZG1tjLQwtSnuzzg8Qj_q2lxIhgBV4AlLsmg4WdSI)

°ascoltando… beh, prima di tutto direi che ognuno dovrebbe ascoltare il proprio disco, cioè la propria musica interiore e poi, eventualmente e per rimanere in tema, si potrebbe ascoltare quella che forse è la prima traccia nascosta (o ghost track) nella storia della musica moderna: Her Majesty dei Beatles https://www.youtube.com/watch?v=Mh1hKt5kQ_4

Evidenze

dav

Capita di cercare ovunque una risposta: guardiamo a destra-sinistra-in alto-in basso… ma la risposta ce l’avevamo semplicemente davanti agli occhi. E scritta anche in grande.

 

In evidenza

è sempre stata lì, si agitava
in fondo al vicolo sgangherato
delle tue difese: metallica,
in rilievo, un pezzo di ruggine
e verità
è sempre stata lì davanti a te
la risposta che non volevi vedere

Irene Marchi, da Dimmi come stai, Cicorivolta, 2022

♦ ascoltando Metallica – The Call of Ktulu https://www.youtube.com/watch?v=t1RTgznup5c