Meglio al Polo Sud

pinguino di genova copia

Strano animale,

l’Homo sapiens.

A un pinguino all’acquario di New York

In genere si comincia coi giochi acrobatici. L’esibizione
degli animali si svolge in file ordinate, le coccarde davanti:
un trio di foche, la palla in bilico sul muso, agili,
snelle statue sincronizzate dai domatori
come i ballerini di Broadway, come nei ghetti i vagabondi,
i corpi magri, contorti, contro le scale antincendio.
Poi venne lui, questo giovane pinguino col nome del dotto
tedesco, e stava lì, e nulla sapeva fare, nulla voleva, un eroe
di vecchi vaudevilles, di lampeggianti film comici,
stagliato in bianco e nero, in balia dei gradini, delle
                                                       storture del mondo.
Segreto beniamino di una minoranza di elettori bambini,
era lui l’impiegato in frak, sul bordo della vasca
traballante, brividi alle pinne, fremiti nelle ali.
Misero e perfetto il suo far nulla, fino all’uscita senz’inchini.

Durs Grünbein, (Dresda,  1962), da  A metà partita (Poesie 1988 – 1999), a cura di Anna Maria Carpi, Einaudi, 1999

*ascoltando  Paul McCartney & Wings – Wild Life https://www.youtube.com/watch?v=PVBmogGl5xc

Meglio al Polo Sudultima modifica: 2019-03-23T15:34:25+01:00da irenesettanta
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento