Quanti muri ancora?

muro

XX, XI, … secolo:  quando cambierà qualcosa?

Scorcio di secolo

Doveva essere migliore degli altri il nostro XX secolo.
Non farà più in tempo a dimostrarlo,
ha gli anni contati,
il passo malfermo,
il fiato corto.

Sono ormai successe troppe cose
che non dovevano succedere,
e quel che doveva arrivare non è arrivato.

Ci si doveva avviare verso la primavera
e la felicità, tra l’altro.

La paura doveva abbandonare i monti e le valli.
La verità doveva raggiungere la meta
prima della menzogna.

Alcune sciagure
non dovevano più accadere,
ad esempio la guerra
e la fame, e così via.

Doveva essere rispettata
l’inermità degli inermi,
la fiducia e via dicendo.

Chi voleva gioire del mondo
si trova di fronte a un’impresa
impossibile.

La stupidità non è ridicola.
La saggezza non è allegra.

La speranza
non è più quella giovane ragazza
et cetera, purtroppo.

Dio doveva finalmente credere nell’uomo
buono e forte
ma il buono e il forte
restano due esseri distinti.

Come vivere? – mi ha scritto qualcuno
a cui io intendevo fare
la stessa domanda.

Da capo, e allo stesso modo di sempre,
come si è visto sopra,
non ci sono domande più pressanti
delle domande ingenue.

Wisława Szymborska (1923, Kórnik, Polonia- 2012), da Gente sul ponte,  in Vista con granello di sabbia, poesie 1957-1993, traduzione di Pietro Marchesani – Adelphi Edizioni, 2009

 

*ascoltando  Bob Dylan –  Blowing in the Wind

Quanti muri ancora?ultima modifica: 2019-06-26T15:36:33+02:00da irenesettanta
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Quanti muri ancora?

Lascia un commento