Con un po’ di fantasia

e quindi punto di domanda

Con un po’ di fantasia oggi potrei salire su questa automobilina e andare a Parigi per incontrare Van Gogh (sì, siamo amici, io e Vincent). Ma l’ho chiusa in una scatola, la fantasia, e non ricordo dove: più di qualche volta mi è stato detto che viaggiavo troppo, con questa mia fantasia, e tutto sommato penso che chi me l’ha detto avesse ragione.
E adesso però come ci vado a Parigi da Vincent?

Fantasia

Pigliammoce sta vita cumme vene,
llassammo for’ ‘a porta ‘a pucundria,
mparammece a campà c’ ‘a fantasia:
nce sta cosa cchiù bella pè campà?

‘A fantasia se sceta ogne matina
comme si fosse prencepe rignante,
affonna ‘e mane aperte int’ ‘e brillante
e nun s’ ‘e ppiglia: che s’ ‘e ppiglia a ffa?

E che curredo tene! Nu mantello
ca luce cchiù d”o sole e nun è d’oro;
quanno se mena ncuollo stu tesoro,
abbaglia ‘a vista: nun se può guardà.

Pò tene nu relogio cumpiacente,
cu sissanta minute d’allegria,
mmiez’ ‘o quarante liegge: FANTASIA

e fa tà-tì, tà-tì, nun fa tì-tà…

Eduardo De Filippo (Chiaia, 1900- Roma, 1984)

*ascoltando  di Petr Il’ič  Tchaikovsky, The Nutcracker Suite, Op. 71A, Dance Of The Reed Flutes, diretto da Leopold Anthony Stokowski https://www.youtube.com/watch?v=dLfai-kAb4I

e  https://www.youtube.com/watch?v=MahztVmrdU8

Con un po’ di fantasiaultima modifica: 2019-11-10T16:24:58+01:00da irenesettanta
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento