Voce del verbo… “vorrei”

 

 le fate dei biscottijpg

Ognuno ha i propri vorrei: alcuni sono chiarissimi, altri sono così nascosti che non sappiamo nemmeno di averli. Vorrei è una parola davvero difficile (soprattutto se le uniche  fate disponibili sono quelle disegnate sulla scatola dei biscotti).

 

Pianura

Certe sere vorrei salire
sui campanili della pianura,
veder le grandi nuvole rosa
lente sull’orizzonte
come montagne intessute
di raggi.

Vorrei capire dal cenno dei pioppi
dove passa il fiume
e quale aria trascina;
saper dire dove nascerà il sole
domani
e quale via percorrerà, segnata
sul riso già imbiondito,
sui grani.

Vorrei toccare con le mia dita
l’orlo delle campane, quando cade il giorno
e si leva la brezza:
sentir passare nel bronzo il battito
di grandi voli lontani.

Antonia Pozzi, da Parole,  Milano, Garzanti, 1998

 

Io vivere vorrei addormentato
entro il dolce rumore della vita.

Sandro Penna, distico di chiusura di Poesie, 1939

 

*ascoltando  Niccolò Fabi – I Wish https://www.youtube.com/watch?v=OhgFbFirM3I
Fleetwood Mac – My Dream https://www.youtube.com/watch?v=y8XSVZbwLcI

Qualcosa di azzurro

“Vicino al mare, camminando,
nel mese di novembre,
tra i cespugli che ricevono
luce, fuoco e sole marini,
ho trovato un fiore azzurro
nato nella durissima prateria”. Pablo Neruda da Ode al fiore azzurro

 

azzurro

Qualcosa di azzurro. Che faccia stare bene. Del resto raramente l’azzurro è associato a qualcosa di poco piacevole: azzurro era il mare di quella incredibile estate, azzurre le piume della ghiandaia che è volata via mentre camminavi nel bosco, azzurro il foglio dove qualcuno ti ha scritto “Ti amo” (o forse l’hai solo letto in un libro… non importa, hai pianto comunque). Azzurre le montagne in lontananza. Azzurra la lontananza. Troppo azzurra…

 

Il colle di Hua-tzŭ

 
Volano gli uccelli
via, senza confine:
per tutto il monte torna
l’autunnale splendore.
Salendo e discendendo
per il colle Hua-tzŭ,
smarrito, non più illuso,
il cuore a quale meta va?

Il sole si posa,
nei pini si leva il vento.
Tornando  a casa,
fra l’erba è poca rugiada.
Dalle nubi, il riflesso discende
ne l’orme dei calzari,
dai monti, l’azzurro
sfiora la mia veste.

Wang Wei (699-756), da Poesie sul fiume Wang, Einaudi, 1956, traduzione dal cinese di Martin Benedikter.

 

Novembre

E poi – se accadrà ch’io me ne vada –
resterà qualchecosa
di me
nel mio mondo –
resterà un’esile scìa di silenzio
in mezzo alle voci –
un tenue fiato di bianco
in cuore all’azzurro –

Ed una sera di novembre
una bambina gracile
all’angolo d’una strada
venderà tanti crisantemi
e ci saranno le stelle
gelide verdi remote –
Qualcuno piangerà
chissà dove – chissà dove –
Qualcuno cercherà i crisantemi
per me
nel mondo
quando accadrà che senza ritorno
io me ne debba andare.

Milano, 29 ottobre 1930

Antonia Pozzi,  da Guardami: sono nuda, Barbes Editore, 2011.

 

La conchiglia

Dopo mille secoli
sei diventata una conchiglia vuota,
le meravigliose venature calano dalle nubi,
la lucentezza della luna.

Ti accosto al vuoto delle mie orecchie
sento il rumore del mare,
ti nascondo sotto il guanciale
sogno un mare turchino, libero.

Liu Shahe, da Un pesce fossile ri-nato, Lanfranchi, Milano, 1987.

 

Il mare è tutto azzurro

Il mare è tutto azzurro.
Il mare è tutto calmo.
Nel cuore è quasi un urlo
di gioia. E tutto è calmo.

Sandro Penna, da Tutte le poesie, Garzanti, Milano.

Qualcosa di azzurro in musica: Elton John – Blue Eyes;  Paolo Conte – Via con me; Ron Carter – Light blue.

 qualcosadiazzurro_modificato-1