Fermarsi

Fermarsi

Fermarsi è una grande arte.
È un’arte umile, è quella di intuire quando siamo stanchi o quando abbiamo bisogno di camminare piano piano verso noi stessi e non più verso qualcosa o qualcun altro.
Fermarsi e ascoltare il battito delle cose, sentire il silenzio, le sue sfumature.
Noi viviamo in un universo che non finisce, che sta tuttora espandendosi e facciamo finta di niente.
Forse fermarsi aiuta un po’ di più ad ammettere che siamo dentro ad una grande… stranezza.

Chandra Livia Candiani, da La precisione della poesia  https://www.youtube.com/watch?v=WzGpck52vXE&feature=emb_title

Crisi d’identità (work in progress)

k

“(…) Adesso siamo chi non eravamo”… e domani quelli che oggi ancora non siamo?  Ma che cosa sarà meglio: chi eravamo, chi siamo o chi saremo? Probabilmente meglio (in questo caso) è una parola senza senso: puoi forse dire quale sia l’immagine migliore in un caleidoscopio?

Le dita sulla tastiera del computer schioccano
– solo più leggermente –
come un tempo la macchina per scrivere.
Era bello quel nome: macchina, ancora meglio
quando senza la c ritorna machina.
Impalcatura per un dio o un assedio,
ariete per abbattere le mura.
Rimandava a un arto di ferro, un ordigno
e un artiglio che ubbidiva al cervello.
Eppure non ha senso
rimpiangere il passato,
provare nostalgia per quello che
crediamo di essere stati.
Ogni sette anni si rinnovano le cellule:
adesso siamo chi non eravamo.
Anche vivendo – lo dimentichiamo –
restiamo in carica per poco.

Antonella Anedda, da Historiae, Einaudi, Torino, 2018

Quotidiana fantascienza

saluti-da-Star-Trek copia

Qual è il tuo pianeta d’origine?

 

Fantascienza  I

Forse si fa convesso il nostro mondo
nello stampo positivo di un’altra sfera.

Forse nell’interspazio che sta in mezzo
si scambiano segrete migrazioni.

Forse l’allodola, quando s’invola,
va in cerca d’altri nidi, o d’altro sole.

Forse la cerva bianca del mio sogno
dal concavo del gregge si è perduta.

Forse dall’eco di un lontano canto
è  nata la poesia che facciamo.

Forse soltanto amore è ciò che abbiamo,
forse nostra corona, nostro manto.

José Saramago, da Fino al midollo, in José Saramago – Le poesie, traduzione di  Fernanda Toriello, Feltrinelli, 2017

La parola

la parola

Riusciremo mai a ricordarci la parola di cui si parla in questa poesia?

 

Mentre cade l’autunno

Aspettiamo
avvolti dalle foglie dorate.
Il mondo non finisce nel tramonto,
e soltanto i sogni
hanno come limite le cose.
Il tempo ci conduce
nel suo labirinto di fogli bianchi
mentre cade l’autunno
sul cortile della nostra casa.
Avvolti dalla nebbia incessante
continuiamo ad aspettare:
la nostalgia è vivere senza ricordare
da quale parola siamo stati inventati.

***

Mientras cae el otoño

Nosotros esperamos
envueltos por las hojas doradas.
El mundo no acaba en el atardecer,
y solamente los sueños
tienen su límite en las cosas.
El tiempo nos conduce
por su laberinto de hojas en blanco
mientras cae el otoño
al patio de nuestra casa.
Envueltos por la niebla incesante
seguimos esperando:
La nostalgia es vivir sin recordar
de qué palabra fuimos inventados.

Giovanni Quessep (San Onofre, Colombia,1939), da El ser no es una fábula, 1968

 

Competenze e obiettivi

gogogo

Come gli esami, anche i colloqui di vita-lavoro (con sé stessi) non finiscono mai.

Curriculum vitae

con passo lento ho portato
e ancora porto la mia ombra
frastagliata sì, ma rigorosa
lungo  questa strada, e quello che voglio

–  ho scritto voglio e non vorrei:
lo vedi come sono decisa e sicura?–
è imparare i segreti delle foglie

che cadono

e poi, spavalde, rinascono

©IreneMarchi2020

Vale la pena di…

life

“(…) L’unico sogno che vale la pena di vivere è vivere finché si è vivi
e morire solo quando si è morti (…)”

 

Essere pienamente vivi nel nostro mondo così com’è.
Mettersi vicino a coloro per i quali questo mondo è diventato intollerabile e ascoltarli.
L’unico sogno che vale la pena di vivere è vivere finché si è vivi
e morire solo quando si è morti.
Cosa significa esattamente?
Amare. Essere amati.
Non dimenticare mai la propria insignificanza.
Non abituarsi mai alla violenza indicibile
e alla volgare disparità della vita che ci circonda.
Cercare la gioia nei luoghi più tristi,
inseguire la bellezza là dove si nasconde.
Non semplificare mai quello che è complicato
e non complicare quello che è semplice.
Rispettare la forza, mai il potere.
Sopratutto osservare. Sforzarsi di capire.
Non distogliere mai lo sguardo.
E mai, mai dimenticare.

John Berger (1926-2017), dall’introduzione a cura di Maria Nadotti di Modi di vedere, (traduzione di M. Nadotti), 2015, Bollati Boringhieri

In bicicletta

 

pedala

Frasi (dis)fatte

 
quando diciamo coraggio pedala,
l’hai voluta tu la bicicletta
non siamo empatici
– simpatici di meno –
ché la bicicletta in molti casi è 
il solo mezzo per  andare avanti

©IreneMarchi2020

Per fortuna…

voglio scendere e sparire

Ci sono giorni (un po’ storti) in cui mi dico per fortuna ho cominciato a leggere poesia (ho cominciato tardi, sì, prima credevo fosse troppo difficile, ma mi sbagliavo)… per fortuna, mi dico, c’è quel luogo chiamato poesia, dove puoi entrare senza paura di disturbare e senza dover essere quello che non sei. Per fortuna.

D’accordo: non vale niente.
È meno del fumo
assai meno del vino.
Ma uno non può morire
senza un briciolo di poesia
è come pulire un vetro
e vedi cose sapute
ora più esatte e nuove.

Pieraldo Marasi  (1932-1986), da Pieraldo Marasi – Antologia, Samuele Editore 2010, a cura di Ludovica Cantarutti

Che cosa vedi?

 

farfalla

Illustrazione tratta da Filo di fata, di Philippe Lechermeier e Aurélia Fronty, Donzelli Editore, traduzione di Maria Vidale, 2008

La speranza

Una verde, una trepida farfalla
nella stanza! Un miracolo la strinse
qui tra le secche pietre di città.
Si posa e trema sopra cose che
non sono fiore
non sono ruscello
cose senza né miele né colore.
– Non muoverti – sussurri – o se ne andrà.
Ma io non temo che svoli. L’essenza
stessa della speranza è di restare.

Daria Menicanti (Piacenza, 1914 – 1995), da Un nero d’ombra, Arnoldo Mondadori Editore, 1969

 

Torniamo in un fumetto?

TintinetMilu

Illustrazione di Hergé –Tintin et Milou

Tra le vignette di quale fumetto vorresti risvegliarti, domani?

 

Apprendimento

Si imparava negli album
di Tintin:
combattere i cattivi
era più che un dovere: era uno sport.
Non c’erano zone grigie nel mondo,
solo la linea chiara, il colore nitido.
Un contorno impreciso sarebbe stato
molto più grave di un assassinio.
E un altro insegnamento ancora: non esistono
la vecchiaia e la morte, nemmeno la stanchezza:

le avventure non finiscono mai, la vita
è tutta una continua meraviglia.
Forse dovrei finire
questa poesia con ironia,
spiegando quanto inutile sia la sua lettura
contro gli schiaffi
che stava per darci il destino.
Ma no: ora, in mezzo alla nebbia
più sporca della vita, conforta
l’intelligenza della sua chiarezza,
conforta sapere
che in quel forziere si conserva ancora
la mappa del tesoro: i piani
per sognare un mondo diverso.

©César Rodríguez De Sepúlveda (Madrid, 1968), traduzione di Emanuela Breda

***

Aprendizaje

Se aprendía en los álbumes
de Tintín:
combatir a los malos
era más que un deber: era un deporte.
No había zonas grises en el mundo,
sino la línea clara, el color nítido.
Un contorno impreciso hubiera sido
mucho más grave que un asesinato.
Y otra enseñanza más: no existen
la vejez y la muerte, ni siquiera el cansancio:
las aventuras no se acaban nunca, la vida
es toda una continua maravilla.
Tal vez con ironía
debería acabar este poema,
explicando qué inútil su lectura
contra las bofetadas
que iba enseguida a darnos el destino.
Pero no: ahora, en medio de la niebla
más sucia de la vida, reconforta
la inteligencia de su claridad,
reconforta saber
que aún en aquel cofre se conserva
el mapa del tesoro: los planos
para soñar un mundo diferente.

©César Rodríguez De Sepúlveda