“Se la memoria non m’inganna…”

Vediamo che cosa consiglia la poesia qui sotto per non farci “ingannare” troppo dalla memoria (sempre così selettiva!).

Memoria

Non prendere troppo sul serio
quello che ti dice la memoria.

Potrebbe non essere stato quel pomeriggio.
Forse tutto fu illusione.
La grande passione
è esistita solo nel tuo desiderio.

Chi ti dice che non ti stia raccontando balle
per prolungare la fine
e suggerire che tutto ciò
almeno ha avuto un senso.

***

Memoria

No tomes muy en serio
lo que te dice la memoria.

A lo mejor no hubo esa tarde.
Quizá todo fue autoengaño.
La gran pasión
sólo existió en tu deseo.

Quién te dice que no te está contando ficciones
para alargar la prórroga del fin
y sugerir que todo esto
tuvo al menos algún sentido.

José Emilio Pacheco (Città del Messico, 1939-2014), da La arena errante, 1999

L’illuminazione

tuttochiarissimo

Quando all’improvviso (e finalmente) realizzi la ridicola intensità dei tuoi autoinganni. (Eureka!)

Ho
chiaramente
visto
lo scheletro sotto
tutta
questa
mostra
di personalità
cosa
resta
di un uomo e tutto il suo orgoglio
altro che ossa?
e tutti i suoi spuntini notturni…
e le vasche di liquore
giù per la gola
…ossa – Si logora
nella tomba,
i lineamenti del viso
trasformati dai vermi
*
*
*
di lui                     
non si sa più
nulla.
*
*
*
*
La vita è malata
I cani tossiscono
Le api volano
Gli uccelli beccano
Gli alberi segano
I boschi piangono
Gli uomini muoiono
Gli scocciatori provano
I libri mentono
Le formiche volano
Salutano
 
* * *
(1960)

Jack Kerouac, tratta da Poesia degli ultimi americani di Fernanda Pivano, Feltrinelli 1995

(Qui https://www.youtube.com/watch?v=jqyeknrAHvk la poesia letta da Vittorio Gassman) Ascoltando Litfiba, Pioggia Di Luce https://www.youtube.com/watch?v=389msNWa-V0