Il filo dell’aquilone

aquilone

Ma i fili della memoria si potranno mai rompere del tutto?

Aquilone

Il ricordo
è un aquilone.
A poco a poco si allontana,
goditi il suo volo.
Più in alto
si rompe il filo della tua memoria
e ti siedi a contemplare come lo possiede la distanza.

Briceida Cuevas Cob (nata nel 1969 a Tepakán, un villaggio maya dello Stato di Campeche, in Messico) da Las lenguas de América. Recital de poesía, UNAM, 2005 – a cura di Carlos Montemayor  (testo e traduzione dal web https://cantosirene.blogspot.it/)

* ascoltando Avishai Cohen Trio – Remembering
https://www.youtube.com/watch?v=E4kc0Aby2vA

Ti chiedo

foglio

Ti chiedo

Se cerchi
la linea
che spieghi un perché
troverai un nodo
e piangere verrà facile.
Facile come girare
        un foglio
come cancellare
                    un nome.
Ma la memoria,
                  

                    come la inganni?

©IreneMarchi

* ascoltando L’infinito – Francesco De Gregori

Dimenticare o ricordare?

memoriacancellare1

I momenti difficili sono una bruttissima compagnia. Ma poi, quando stanno entrando finalmente  nella dimensione del ricordo, è più utile dimenticarli del tutto (ammesso che si riesca ad afferrare “l’arte dell’oblio” di cui parla qui sotto Borges), o imparare a masticarli fino ad averne qualcosa che assomigli al controllo e che potrebbe, magari (!), trasformarsi  in insegnamento?

 

Se per volare via dalla memoria
avessimo le ali
in molti voleremmo

A più lente cose avvezzi
gli uccelli sgomenti osserverebbero
il carro poderoso
degli uomini in fuga
dalla mente dell’uomo

Emily Dickinson, n.1242, da Tutte le poesie, Einaudi, traduzione di Marisa Bulgheroni.

 

(I)

Non ha più incanto il mondo. Ti han lasciato.
Non condividerai la chiara luna
né i lenti parchi. Non v’è luna ormai
che non sia specchio del passato, sole
d’agonie, cristallo di solitudine.
Addio alle mutue mani e alle tempie
che l’amore accostava. Oggi hai soltanto
la fedele memoria e i vuoti giorni.
Solo si perde (ti ripeti invano)
quel che non si ha e non si è mai avuto,
ma essere forte non ti basterà
per imparare l’arte dell’oblio.
Un simbolo, una rosa può straziarti,
e può ucciderti un suono di chitarra.

Jorge Luis Borges, da L’altro, lo stesso, Adelphi, traduzione di Tommaso Scarano.

*ascoltando: Gerry Rafferty – Baker Street
 https://www.youtube.com/watch?v=Fo6aKnRnBxM