Pensieri sottotraccia

dav

In filigrana

che cos’è, dimmi, cos’è quel disegno
che appare solo in controluce
tra la rete fitta di una vita
che si fa ben pagare e gli stracci
di cielo che riusciamo a rubare?
che cosa racconta la filigrana
dei nostri pensieri più nascosti?

©IreneMarchi2021

∞ ascoltando Enya – Watermark https://www.youtube.com/watch?v=bPCdsa7hS7M

Energia pulita (e rinnovabile)

energia

L’energia
(quella buona).

L’amore vero, tu lo sai, è volere
la gioia di chi non ci appartiene
è questo uscire, traboccare
da se stessi, come il sangue dalle vene
per un taglio, è l’irrinunciabile,
amore energia mutabile eterno bene.

Giuseppe Conte (Porto Maurizio, 1945), da Ferite e rifioriture, Mondadori, 2006

♥ ascoltando Joe Satriani – Shockwave Supernova https://www.youtube.com/watch?v=xeAUOsu39bc

Ti vuoi (un po’) bene? – (2°puntata)

1

Eh… non tutti nascono imparati

Come si fa dopo un periodo così così
(anche con un così solo)

Partire dalle persone
che ti amano
anche una
una sola
perché tu
non lo sai fare.

Bisogna pure
che qualcuno
te lo impari!

Vasco Mirandola, da Volevo solo scriverti accanto, AnimaMundi Edizioni, 2021

♥ ascoltando Chris Martin – Fix You (acoustic) https://www.youtube.com/watch?v=vnGmG9CZBDg

(la 1° puntata  è qui: https://lapoesianonsimangia.myblog.it/2021/01/19/ti-vuoi-un-po-bene/)

Booking angels

Prenoto anche per te?

Cura celeste

Ho costruito
una finestra sul cielo,
tavolo, letto e armadio
ho preparato nela sua stanza
per farlo restare un po’,
e nel cortile
ho ordinato le foglie,
messo le luci colorate
per festeggiare il suo arrivo.

Datemi un angelo,
quella specie aerea che
porta odore di naufragi
e di nuvole spaventate.

Lo prenoto adesso
prima che finiscano
perché certo
saranno in tanti ora
a volerne uno.

Vasco Mirandola, da Volevo solo scriverti accanto, AnimaMundi Edizioni, 2021

 

ascoltando Ben Harper – Waiting On An Angel (Live Acoustic) https://www.youtube.com/watch?v=dtUvBc_uVvQ

Sogni a colazione (o anche a merenda)

dav

Ce l’hai un sogno da s c a r t o c c i a r e ?

Nutrimento

Per cogliere pochi grammi
di questo cielo,
nellʼora liquida delle sue albe,
potremmo sederci sul muro
fatto di attese mai finite
al limite invisibile di questa terra.
E ancora aspettare,
come i fiori la pioggia,
le gocce che trasudano
da piccoli sogni caldi
appena scartocciati.
Molti di noi scenderanno
da quel muro,
già appassiti nellʼattesa.

Irene Marchi, da Fiori, mine e alcune domande, Sillabe di sale, 2015

♥ ascoltando God Is An Astronaut – “Tempus Horizon” https://www.youtube.com/watch?v=zeM9pskZFec

Come ti vanno le cose?

a terra

Tutto bene lì? Qui così così (e se anche andasse benone, nemmeno se mi pagassero potrei dire “alla grande!”: non ho tutto questo coraggio).

In ogni caso… inboccalupo!

***

Smarrito il passaporto,
l’auto da rottamare,
cinque pini del mio viale
abbattuti da una violenta
tramontana: ecco
l’eccellentissimo bilancio
della trascorsa settimana.

Ma è inutile lagnarsi, se
è vero che la vita è come
una coperta – abitata dalle tarme –
che va perennemente ricucita.

Franco Marcoaldi (Guidonia, 1955), da L’isola celeste, Einaudi, 2000

ascoltando God Is An Astronaut – In Flux https://www.youtube.com/watch?v=3g1_fxqK4TI

Lentamente (e con più attenzione)

dav

Io cammino, ma a volte cado: mi frana la terra sotto i passi
(devo fare più attenzione a dove metto i piedi).

 

Lentamente lentamente
un piede lascia la terra
si alza lo seguono
tutti i distacchi della mia vita
il sapore della legge
degli addii.
Un piede avanza
per metà sono uccello
per metà sono albero
il piede ritrova la terra
si posa e con lui tutti
i contatti della mia vita
fluttuano febbrili nel sangue:
io cammino.

Chandra Livia Candiani, da Il corpo battello, in La domanda della sete. 2016-2020, Einaudi, 2020

♥ ascoltando Glen Hansard – “My Little Ruinhttps://www.youtube.com/watch?v=jrVF50I_9YU&t=65s

Respiriamo (qui e ora)

digFacciamo un bel respiro…

La città è lì per te
anche il primo raggio
dopo una giornata di pioggia
anche il negozio di fiori,
tu intanto scrivi
scrivi che sei stato lì
mentre partiva il tram,
scrivi della gente che passa
dell’odore di bagnato
dell’agitazione che mettono
quelli che corrono.

Appuntati
la parola abbraccio
la parola aria
la parola colore
la parola fretta
la parola respiro
il tuo
di te che sei vivo
e guardi.

Vasco Mirandola, da Volevo solo scriverti accanto, AnimaMundi Editore, 2021

∞ ascoltando Midge Ure – Breathe  https://www.youtube.com/watch?v=USFr5VeLQ2o

Senza regole

casier

È proprio vero che la vita “ha andature immisurabili”.
Quindi è inutile fare troppi calcoli.

 

La vita è vasta
ha bisogno di temperature elevate
e di capacità glaciali
di scompiglio del sangue
e di evaporazione,
di sgombero e sedimento.
La vita è grande
le dottrine avare
le menti mercenarie
non la riguardano,
nemmeno la punteggiatura
se non è musicale
la sfiora
perché ha andature immisurabili
e non consente punti fermi
né enunciazioni.
Ha movenze prodigiose
e tregue vulnerabili
nel fitto dell’inaspettato.
La vita ci sfoglia,
siamo appunti serali.

Chandra Livia Candiani, da La domanda della sete, Einaudi

♣ ascoltando Andy McKee – Into the Ocean https://www.youtube.com/watch?v=Cvar4ZsqsEo&t=11s

Al tre!

peluche

Facciamo un gioco: al tre ognuno esce dalla gabbietta in cui si è chiuso tanto tempo fa.

Uno…  due… due-e-mezzo… tre… via!

Chi vince?

Vince chiunque riesca a partecipare.

Lo zoo

Uno decide di essere pesce
e allora si mette nella gabbia dei pesci
e c’è acqua e gli sembra di essere sempre feto
e che nessuno fa male a nessuno
e se il pesce grande mangia quello piccolo
nessuno grida di dolore
e l’importante per lui è non farsi sentire
 

Uno decide di essere serpente
e allora si mette nella gabbia dei serpenti
e sa che morderà quando si sentirà in pericolo
e non gli importa se non gli volevano fare niente
lui ha deciso per proteggersi di avvelenare
 

Uno decide di essere gatto
e allora si mette nella gabbia dei gatti
e gli fa credere che lui non è di nessuno
e sta nelle loro gabbie
e mangia il loro cibo
ma ha deciso di credere che lui non è di nessuno
 

Uno decide di essere orso di peluches
e allora si mette nella gabbia degli orsi di peluches
e qualcuno cerca di spiegargli che l’orso di peluches
non è un animale
ma a lui non importa del sangue nelle vene
ha deciso di essere tenero e carino
 

Uno decide di essere farfalla
e allora si mette nella gabbia delle farfalle
e quelle che muoiono dice che dormono
ha deciso di avere dei bei colori e non sapere
 

Uno decide di non decidere nulla
e allora si mette nelle gabbie un po’ dove gli capita
e gli dicono sei cigno, sei pipistrello, sei pachiderma, sei rana
uno perfino gli dice ippogrifo, bigfoot, unicorno
e a lui non importa di sapere cos’è
ha deciso di non scegliere
Uno decide che non saprà mai decidere
e allora si mette nelle gabbie dei camaleonti
e gli dicono marrone, verde, rosa
e gli dicono cambia tutto ma non cambia niente
ma a lui non importa
ha deciso che non sa scegliere
 

Uno decide di essere un uomo
e allora li libera tutti
anche quelli che gli fanno paura
li libera tutti

Alessandra Racca, da L’amore non si cura con la citrosodina, Neo Edizioni, 2013

♣ ascoltando The Tokens – The Lion Sleeps Tonight https://www.youtube.com/watch?v=OQlByoPdG6c