“Da qualche parte c’è luce”

cielo 2

“… da qualche parte c’è luce…”, e quindi bisogna cercarla.

Il cuore che ride

La tua vita è la tua vita.
non lasciare che le batoste la sbattano nella cantina dell’arrendevolezza.
stai in guardia.
ci sono delle uscite.
da qualche parte c’è luce.
forse non sarà una gran luce ma la vince sulle tenebre.
stai in guardia.
gli dei ti offriranno delle occasioni.
riconoscile, afferrale.
non puoi sconfiggere la morte ma puoi sconfiggere la morte in vita, qualche volta.
e più impari a farlo di frequente, più luce ci sarà.
la tua vita è la tua vita.
sappilo finché ce l’hai.
tu sei meraviglioso
gli dei aspettano di compiacersi in te.

The Laughing Heart

Your life is your life
don’t let it be clubbed into dank submission.
be on the watch.
there are ways out.
there is a light somewhere.
it may not be much light but
it beats the darkness.
be on the watch.
the gods will offer you chances.
know them.
take them.
you can’t beat death but
you can beat death in life, sometimes.
and the more often you learn to do it,
the more light there will be.
your life is your life.
know it while you have it.
you are marvelous
the gods wait to delight in you.

Charles Bukowski, da Betting on the muse (traduzione italiana da Le ragazze che seguivamo, Guanda)

*ascoltando “Parole note” – https://www.youtube.com/watch?time_continue=28&v=yGWZXKAA73E e Aerosmith – Dream On https://www.youtube.com/watch?v=54BCLYNkFKg

La cura

nonarrendertiQuesti versi sono meglio di una medicina, meglio di un calmante, meglio di un qualsiasi ricostituente.

 

Non ti arrendere, c’è ancora tempo
per arrivare e ricominciare
accettare le tue ombre
seppellire le tue paure
liberarti del fardello
riprendere il volo.

Non ti arrendere perché questo è la vita
continuare il viaggio
perseguire i sogni
sciogliere il tempo
togliere le macerie
e scoperchiare il cielo.

Non ti arrendere, per favore non cedere
malgrado il freddo bruci
malgrado la paura morda
malgrado il sole si nasconda
e taccia il vento
c’è ancora fuoco nella tua anima
c’è ancora vita nei tuoi sogni.

Perché la vita è tua e tuo anche il desiderio
perché l’hai amato e perché ti amo
perché esiste il vino e l’amore, è certo
perché non vi sono ferite che non curi il tempo.

Aprire le porte
togliere i catenacci
abbandonare le muraglie che ti protessero
vivere la vita e accettare la sfida
recuperare il sorriso
provare un canto
abbassare la guardia e stendere le mani
aprire le ali
e tentare di nuovo
celebrare la vita e riprendere i cieli.

Non ti arrendere, per favore non cedere
malgrado il freddo bruci
malgrado la paura morda
malgrado il sole si nasconda e taccia il vento
c’è ancora fuoco nella tua anima
c’è ancora vita nei tuoi sogni.

Perché ogni giorno è un nuovo inizio
perché questa è l’ora e il momento migliore
perché non sei sola, perché ti amo.

_____________________________

No te rindas, aún estás a tiempo
De alcanzar y comenzar de nuevo,
Aceptar tus sombras,
Enterrar tus miedos,
Liberar el lastre,
Retomar el vuelo.

No te rindas que la vida es eso,
Continuar el viaje,
Perseguir tus sueños,
Destrabar el tiempo,
Correr los escombros,
Y destapar el cielo.

No te rindas, por favor no cedas,
Aunque el frío queme,
Aunque el miedo muerda,
Aunque el sol se esconda,
Y se calle el viento,
Aún hay fuego en tu alma
Aún hay vida en tus sueños.

Porque la vida es tuya y tuyo también el deseo
Porque lo has querido y porque te quiero
Porque existe el vino y el amor, es cierto.
Porque no hay heridas que no cure el tiempo.

Abrir las puertas,
Quitar los cerrojos,
Abandonar las murallas que te protegieron,
Vivir la vida y aceptar el reto,
Recuperar la risa,
Ensayar un canto,
Bajar la guardia y extender las manos
Desplegar las alas
E intentar de nuevo,
Celebrar la vida y retomar los cielos.

No te rindas, por favor no cedas,
Aunque el frío queme, 
Aunque el miedo muerda,
Aunque el sol se ponga y se calle el viento,
Aún hay fuego en tu alma,
Aún hay vida en tus sueños.

Porque cada día es un comienzo nuevo,
Porque esta es la hora y el mejor momento.
Porque no estás sola, porque yo te quiero.

Mario Benedetti (Mario Orlando Hamlet Hardy Brenno Benedetti-Farugia, Paso de los Toros, 1920 – Montevideo, 2009), testo dal web

*ascoltando Franco Battiato – La Cura https://www.youtube.com/watch?v=cLJp-YJeuzc

Vietato arrendersi

buon natale

Qualunque sia il tuo punto di partenza… è vietato arrendersi!

 

Quel fiore –
gli hanno strappato i petali, ma è vivo
quel cuore –
nella sventura, è rimasto saldo
quella stella –
è caduta, con una scia di luce nella foresta
come chi sa morire con un sorriso
quando spalanca le ali
il vento dell’altopiano.
Li porto con me,
sono l’immagine
del non arrendersi.

Da Canti d’amore e di libertà  del popolo Kurdo, a cura di Laura Shrader, Newton Compton, Roma, 1993

*ascoltando The Beatles –  Hey Jude https://www.youtube.com/watch?v=FhXU8c8qwXs

P.S.  Conimieiauguridicuoreatecheseipassatoperunattimotraleparoleelenuvolediquestospazio. Irene(diLapoesianonsimangia)

Vorrei essere un Barbapapà (ma forse lo siamo tutti)

barbapapàjpg

Oggi un insieme di righe decisamente diverso dal solito… quasi ai limiti dell’idiozia, potrebbe pensare qualcuno. E sia.

Chi non conosce i Barbapapà? Sono i simpatici personaggi del fumetto pubblicato nel 1970, nato dalla fantasia di Annette Tison e Talus Taylor (marito e moglie). Il loro  fumetto è considerato una delle prime opere portatrici di un messaggio ecologista (il rispetto per la natura, i pericoli dell’inquinamento e la coabitazione tra specie) e di altri messaggi molto positivi (l’invito all’ascolto e all’accoglienza di chi è in difficoltà e la certezza che un recupero delle situazioni più difficili sia sempre possibile, con l’approccio più adatto).
E poi c’era quella cosa bellissima: il “Barbatrucco”. Serve un ponte? Ecco che un Barbapapà sa trasformarsi in ponte. Serve un ombrello? C’è il modo di diventare ombrello e così via. La “strategia del Barbapapà” è quindi quella che ci fa (provare a) trovare in noi stessi i mezzi per risolvere un problema… certo, non proprio tutti, nei limiti dell’umano, diciamo, senza dover cercare troppo lontano.

Insomma, il senso è questo: non diamoci per vinti che spesso la soluzione è dentro di noi, siamo tutti dei Barbapapà in potenza ma spesso non ci crediamo o ci abituiamo  a non crederci. È sempre molto difficile, ma talvolta dovremmo cambiare prospettiva. Vaaai col “barbatrucco”!

E a proposito di cambiamenti, qui sotto una poesia che certamente avrai letto da qualche altra parte.Viene spesso attribuita  a Pablo Neruda ma in realtà è di Martha Medeiros, giornalista e scrittrice brasiliana, nata nel 1961: parla proprio della necessità di cambiare per non… morire lentamente.  È tratta da un testo che ha per titolo A Morte Devagar (che letteralmente vuol dire Una morte lenta) ed è stato pubblicato nel 2000 sulla rivista “Zero Hora.

Ode alla vita

Lentamente muore
chi diventa schiavo dell’abitudine,
ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi,
chi non cambia la marca,
chi non rischia e cambia colore dei vestiti,
chi non parla a chi non conosce.

Muore lentamente
chi fa della televisione il suo guru.
Muore lentamente chi evita una passione,
chi preferisce il nero su bianco
e i puntini sulle “i”
piuttosto che un insieme di emozioni,
proprio quelle che fanno brillare gli occhi,
quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso,
quelle che fanno battere il cuore
davanti all’errore e ai sentimenti.

Lentamente muore
chi non capovolge il tavolo
quando è infelice sul lavoro,
chi non rischia la certezza per l’incertezza
per inseguire un sogno,
chi non si permette almeno una volta nella vita,
di fuggire ai consigli sensati.

Lentamente muore
chi non viaggia,
chi non legge,
chi non ascolta musica,
chi non trova grazia in sé stesso.

Muore lentamente
chi distrugge l’amor proprio,
chi non si lascia aiutare
chi passa i giorni a lamentarsi
della propria sfortuna o della pioggia incessante.

Lentamente muore
chi abbandona un progetto prima di iniziarlo,
chi non fa domande sugli argomenti che non conosce
o non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi,
ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo di gran lunga maggiore
del semplice fatto di respirare.

Soltanto l’ardente pazienza
porterà al raggiungimento di una splendida felicità.

Martha Medeiros, (tratta dal web)

 

*ascoltando Johnny Thunder, I’m Alive https://www.youtube.com/watch?v=SJ_wzLVhJSs.