Rimedi più o meno efficaci

bnfdgndfgoigijgoirjoirgjgdfigjdfigjdf

N.B. Un barattolo di  bicarbonato non deve mai mancare in una casa

I corpi che hai amato
ti rimangono conficcati in quella parte di corpo
dove si radunano le cose che non possono essere più
stanno lì, pezzi di ginocchi, modi di sorridere
carichi di dolore potenziale
come il nervo del dente quell’estate
prima nulla e poi, all’improvviso
L’analgesico è il presente
questa schiena
questa carezza
questo respirarsi gli occhi
E non ditemi che comunque è bello ricordare
il corpo
vuole carne viva e capelli
e che sia morte o vitale allontanarsi, quel qualunque motivo
per cui è stato sottratto
quel corpo al mio corpo
di certo non interessa
I corpi che hai amato
ti rimangono conficcati in quella parte di corpo
dove scivolano le cose che a volte fanno male
ora, per esempio,
mi si è infiammato quel modo che avevi di camminare
ondeggiando
Un cucchiaio di citrosodina
non fa nulla
ma è buona
ne mangio ancora un po’.

Alessandra Racca, da L’amore non si cura con la citrosodina, Neo Edizioni, 2013

*ascoltando  C.C.C.P. Curami https://www.youtube.com/watch?v=RbI5CQ6X5rQ

Distrazioni fatali

qwertyuiopasdfghklbvhhklghfkghfkgfklhvgkhlgkhcòflkh

Scusi, signor Giardiniere, faccia più attenzione con le prossime piantine!

È sempre colpa del giardiniere

Eri come un cactus
a cui cercavo di spiegare
le quattro stagioni

ero come una rosa
che cercavi di convincere
che l’acqua, basta anche poca

piantati nello stesso vaso
il nostro giardiniere
un pazzo
un sadico
un sognatore

oppure solamente uno
che si era distratto
per amore

Alessandra Racca, da L’amore non si cura con la citrosodina, Neo Edizioni, 2013

* o forse il giardiniere è stato distratto dal… Volo del calabrone https://www.youtube.com/watch?v=Pb8SBOXf2ME (Rimsky Korsakov, Fiaba dello zar Saltan, op 57)

 

Disobbedire

Marta 2018

Ricorda che per sopravvivere bisogna disobbedire” consiglia la poesia qui sotto, e io sono d’accordo: qualche disobbedienza è necessaria nella vita.
Ti ricordi qual è stata l’ultima tua disobbedienza?

 

Consigli a me stessa quando piove

Dormi in silenzio

Non fare rumore quando non ci sei

Coltivati
ma non covare pietre
i mattoni servono per costruire ponti
i giorni per tessere
il mattino per ricominciare
la carne è pesante per ancorare all’amore

Piangi, lasciati piovere, lasciati stare
Riposa, lasciati vegliare
Brinda, ci sono notti da ubriacare

Se le tue mani ti sembrano opache
dipingi le unghie di rosso

Ricorda che per sopravvivere bisogna disobbedire
Porta con te un ombrello a colori
Se non puoi vincerla, sfoggia la malinconia.

 Alessandra Racca, da Poesie antirughe, Neo Edizioni

*ascoltando PFM  – Celebration https://www.youtube.com/watch?v=erOcHXaIZhA