Talete, Pitagora, Euclide… abbiamo un problema

teorema

Il teorema inesistente

Guardali
i nostri ingenui disegni,
lati e angoli sfuggono
al controllo delle cose definite
e il tempo corrode
 le simmetrie: un solo fiocco di neve
sfiora – inconsapevole – due linee
e già scombina  il loro incrocio
– Pitagora no, non basterà
a difendere le regole.
 E così la geometria umana
si arrende
al disordine che ci fruga nei pensieri
perché il teorema dell’amore non esiste
e forse neppure un sentimentale assioma.
 

©IreneMarchi2020

 
*ascoltando  John Adams  – Chamber Symphony, Roadrunner – 3rd Movement https://www.youtube.com/watch?v=4k0r2ZHJJPc

A fior di pelle

skin

I fiori (o le spine) che ci sfiorano soltanto
possono lasciare tracce profonde?

Fiori.
Una valle di fiori.
Fiori di neve.
Fiori stellati.
Fiori di ghiaccio
sui vetri delle finestre.
Fiori sulle tue guance,
fiori nel letto,
fiori della pelle
dal profumo intenso.

Rose nella bocca,
con le spine.
Punture, tremiti.
Cerco le tracce
salate del sangue.
Le mie, le tue.
Con la saliva rimargino
le ferite sanguinanti
del cuore.
Murate in un castello.
Saliva, sangue e latte.

Davanti a occhi sgranati
sta sorgendo
l’aurora.

Barbara Korun, traduzione di Jolka Milič, fonte www. casadellapoesia https://www.youtube.com/watch?v=XqGIcaxAsMQ

 

* ascoltando Queen – Lily Of The Valley https://www.youtube.com/watch?v=o7K1_g31H0s

Non avere paura

abc)

Non aver paura dell’amore. Posa la tua mano
lentamente sul petto della terra e senti respirare
i nomi delle cose che lì stanno
crescendo: il lino e la genziana, la verzura odorosa
e le campanule blu; la menta profumata per
le bevande dell’estate e l’ordito delle radici di una
pianticella d’alloro che si organizza come un reticolo
di vene nella confusione di un corpo.
Mai la vita
è stata solo inverno
mai solo bruma e abbandono

Anche se ora piove, non preoccuparti: posa la mano
lentamente sul tuo petto  e ascolta  il pianto
della tempesta (…)

°°°

No tengas miedo del amor. Posa tu mano
suavemente sobre el pecho de la tierra y siente respirar
en su seno el nombre de las cosas que están allí 
para brotar: el lino y la genciana, el caracolillo real,
y las campanillas azules, la menta perfumada para
las infusiones del verano y el telar de raíces de una
pequeña bahía que se entrelaza como una red 
de venas en la confusión de un cuerpo. La vida nunca
fue solo invierno, nunca fue solo bruma y desamparo.

Aunque llueva ahora, no te preocupes: posa
tu mano suavemente sobre tu pecho y escucha el clamor
de la tempestad (…)

Maria do Rosário Pedreira (Lisbona, 1959)

*ascoltando Sigur Rós – Rafstraumur https://www.youtube.com/watch?v=obQLXnX3QOo

Se c’è un vuoto

vuoto1

Il consiglio di un poeta:

Riempilo d’amore
Sempre quando c’è un vuoto nella tua vita,
riempilo d’Amore.

Adolescente, giovane, vecchio:
sempre quando c’è un vuoto nella tua vita,
riempilo d’Amore.

E quando saprai di aver davanti a te un periodo vano,
vai a cercare Amore.

Non pensare: “Soffrirò”
Non pensare: “Mi ingannerà”
Non pensare: “Dubiterò”
Vai, semplicemente, diafanamente, gioiosamente,
alla ricerca dell’Amore.
Che indole di Amore?

Non importa.
Ogni Amore è pieno di eccellenza e di nobiltà.
Ama come puoi, ama chi puoi,
ama tutto ciò che puoi…
però ama sempre.

Non preoccuparti della finalità del tuo Amore.
Esso porta con sé la sua finalità.

Non considerarti incompleto perchè non trovi risposta alle tue tenerezze;

l’Amore porta con sé la propria compiutezza.

Sempre quando c’è un vuoto nella tua vita,
riempilo d’Amore.

 
llénalo de amor

Siempre que haya un hueco en tu vida,
llénalo de amor.
Adolescente, joven, viejo:
siempre que haya un hueco en tu vida,
llénalo de amor.

En cuanto sepas que tienes delante de ti un tiempo baldío,
ve a buscar al amor.

No pienses: “Sufriré”.
No pienses: “Me engañarán”.
No pienses: “Dudaré”.
Ve, simplemente, diáfanamente, regocijadamente,
en busca del amor.
¿Qué índole de amor?
No importa.

Todo amor está lleno de excelencia y de nobleza.

Ama como puedas, ama a quien puedas, ama todo lo que puedas…
pero ama siempre.
No te preocupes de la finalidad de tu amor.
Él lleva en sí mismo su finalidad.
No te juzgues incompleto porque no responden a tus ternuras:
el amor lleva en sí su propia plenitud.

Siempre que haya un hueco en tu vida,
llénalo de amor.

Amado Nervo (1870, Messico-1919, Uruguay), da Plenitud (Pienezza, 1918)

*ascoltando Jefferson Airplane – Somebody To Love https://www.youtube.com/watch?v=JUbMWtUyIIE

Di più o di meno?

 love

La conclusione mi sembra la stessa: amare e basta.

Bisogna amarsi meno

Bisogna amarsi meno,
bisogna lasciare al tempo
l’ingorda gioia d’insegnare
che l’amore non è ricevere,
né dare,
ma lasciarsi prendere,
affondare.

Giovanni Testori (Novate Milanese, 1923 – Milano 1993), da Opere 1965-1977, Bompiani, 1996

 

Il verbo è amare

Il verbo è amare
amare bene
amare male
amare come sia
però amare.
La chiave è amare
e quando tutto duole
amare con maggiore intensità
e quando tutto diventa insopportabile
amare il doppio.

José Sbarra, (Buenos Aires, 1950 -1996), da El mal amor, 2017

* ascoltando John Lennon – Love https://www.youtube.com/watch?v=HybcK892uBY

(Comunque) ama!

ama

Senza risparmio, senza convenienza (nessuna economia, nell’amore) e possibilmente senza logica.

L’amore non dà nulla fuorché sé stesso
e non coglie nulla se non da sé stesso.
L’amore non possiede,
né vorrebbe essere posseduto
poiché l’amore basta all’amore.

Khalil Gibran

Sull’Amore
 
Si chiama amore ogni superiorità,
ogni capacità di comprensione,
ogni capacità di sorridere nel dolore.
Amore per noi stessi
e per il nostro destino, affettuosa adesione
a ciò che l’Imperscrutabile vuole fare di noi
anche quando non siamo ancora in grado
di vederlo e di comprenderlo –
questo è ciò a cui tendiamo.

Herman Hesse

È quel che è

È assurdo
dice la ragione
È quel che è
dice l’amore
È l’infelicità
dice il calcolo
Non è altro che dolore
dice la paura
È vano
dice il giudizio
È quel che è
dice l’amore
È ridicolo
dice l’orgoglio
È avventato
dice la prudenza
È impossibile
dice l’esperienza
È quel che è
dice l’amore.

Erich Fried, da È quel che è, Einaudi, 1988.

* ascoltando Frankie Goes To Hollywood – The Power Of Love